Ami le piante e vuoi assolutamente avere piante verdi, palme, cactus o orchidee nelle tue quattro mura, ma sembra che tu stia facendo qualcosa di sbagliato? Nessun problema, con questa guida dovresti essere in grado di scoprire i tuoi errori precedenti e risolverli molto facilmente. Perché in questa guida vorremmo mostrarti come anche tu puoi imparare il “pollice verde” e trasformare la tua stanza, appartamento o casa in un paradiso vegetale.

Ci sono alcune cose da considerare quando ti prendi cura delle piante, ma una volta che le conosci, non è più così difficile mantenere in vita le piante e farle crescere. Per arrivare a questo punto, ora vorremmo darvi alcuni suggerimenti. Inoltre, vorremmo rispondere alle domande più importanti, mostrarti i sintomi di stress delle piante e dare consigli speciali sulla cura.

In generale, tuttavia, è importante dire che non tutti i suggerimenti e i consigli si applicano a ogni pianta e che dovresti sempre prestare attenzione alle esigenze speciali delle tue piante. Sentiti libero di scrivere domande o commenti nei commenti qui sotto.

Indice

Progetta l’ambiente ottimale per le piante da interno: di quali condizioni hanno bisogno le piante per crescere?

Ogni pianta ha bisogno di condizioni molto speciali per poter crescere in modo ottimale. Devi scoprire questi bisogni e quindi allineare le tue cure a loro. Questo di solito funziona abbastanza bene con i simboli per la cura delle piante che si trovano spesso nel vaso della pianta o si attaccano al vaso, basta dare un’occhiata se non sei sicuro di alcune piante.

Per non dimenticare alcun punto nella cura delle piante, abbiamo ora messo insieme un breve elenco degli aspetti più importanti per te. Cliccando sui singoli argomenti si arriva direttamente alle spiegazioni dettagliate.

  • più perfetto Posizione per piante da appartamento
  • Destra innaffiare e cosa si può fare di sbagliato
  • Fertilizzare: La fertilizzazione è necessaria? Se sì, quando, quanto spesso e con cosa?
  • fioriera: Quale taglia è adatta alla mia pianta?
  • Rinvasare: Quando la pianta ha bisogno di un nuovo vaso più grande?
  • Il montaggio Terriccio Trova

Posizione perfetta per piante da interno

La posizione delle tue piante dovrebbe essere adattata in modo speciale alle esigenze delle rispettive specie. Ad alcuni piace in pieno sole, ad altri più in ombra parziale o in completa ombra.

Puoi trovare queste informazioni sull’etichetta dell’impianto e possono rendere la manutenzione molto più semplice per te. Di solito solo i cactus si sentono a proprio agio in pieno sole, poiché provengono da zone molto calde e possono sopportare il calore generato sul vetro della finestra. Le piante d’appartamento sempreverdi non hanno bisogno di tanta luce e possono essere sparse nella stanza.

I termini “soleggiato, parzialmente ombreggiato o ombreggiato“Purtroppo no, quindi abbiamo una breve spiegazione per te qui:

  • Soleggiato: circa 5 ore di sole al giorno in una finestra esposta a sud a 1-2 m di distanza
  • ombra parziale: circa 3 ore al giorno in una finestra est o ovest (in alternativa finestra sud 2-4 m di distanza)
  • Carino: meno di 3 ore al giorno in una finestra a nord (in alternativa finestra a sud ad una distanza di 4-6 m)

Una volta che hai trovato un luogo in cui la tua pianta si sta sviluppando bene, non dovresti spostarla, se possibile. Il trasferimento è molto stressante per la pianta e potrebbe danneggiarla.

Prendersi cura delle piante: qui puoi scoprire a quali consigli dovresti prestare attenzione.

Soleggiato, parzialmente ombreggiato o ombreggiato? Ogni pianta ha bisogno o tollera una diversa quantità di luce. Fare riferimento alle istruzioni per la cura sull’etichetta della pianta per scoprire come prendersi cura delle proprie piante.

Anche se le piante sul davanzale sono molto apprezzate, dovresti controllare attentamente se le piante possono resistere a così tanta luce o se hanno effettivamente altre esigenze.

Le piante da fiore hanno bisogno di più luce delle piante sempreverdi! Tuttavia, nemmeno la piena luce del sole sulla finestra.

Nel soggiorno con l’aria ambiente calda, ovvero temperature più elevate, le zampe di elefante, gli alberi della gomma e le strelitzie in particolare si sentono a casa.

Tutti i tipi di piante che richiedono temperature moderate sono adatti per la camera da letto, perché le camere da letto sono generalmente più fresche di un soggiorno. Inoltre, a causa della temperatura più bassa, l’umidità relativa è più alta, il che fa sentire le tue piante più a loro agio.

È necessaria molta cautela nella scelta delle piante per le stanze dei bambini. Soprattutto, occorre prestare attenzione per garantire che non vengano utilizzate piante velenose o spinose per la decorazione. I gigli verdi sono perfetti per i bambini, poiché i bambini possono piantare e allevare i germogli da soli.

Luce e luminosità: quanta e quale luce fa bene alle piante?

In inverno è generalmente molto più buio che in estate. Più precisamente, il sole estivo fornisce 20.000 lux e un giorno invernale solo 2.000 lux, di cui solo circa 1.000 lux possono raggiungere le piante al centro della stanza. Di norma, le piante d’appartamento hanno bisogno di almeno 1.000 lux per crescere.

In inverno, dovresti quindi spostare le tue piante in una posizione diversa nella stanza. In ogni caso, tutte le piante alla finestra possono resistere all’inverno o hanno bisogno di luce molto urgente durante questo periodo.

Possibile Segni di mancanza di luce sono:

  • Rimozione delle foglie
  • le tipiche strutture fogliari, come rigonfiamenti o buchi nel Monstera, non appaiono
  • Le foglie che hanno aree bianche o gialle colorano queste aree di verde, poiché anche la clorofilla si forma in queste aree per assorbire la luce
  • le foglie appena formate rimangono più piccole

In inverno, tuttavia, dovresti anche assicurarti che le tue piante non siano direttamente accanto al riscaldatore o che ricevano correnti d’aria gelate. Quindi metti le piante in un’area protetta della stanza prima di ventilarle.

Umidità: quanto può essere secca o umida l’aria ambiente?

Soprattutto in inverno è importante assicurarsi che le piante abbiano un’umidità sufficiente. Questo aspetto viene spesso prevenuto riscaldando aria troppo secca.

Per compensare questo, dovresti occasionalmente inumidire le piante con un flacone spray d’acqua. Le gocce d’acqua sulle foglie danno alla pianta l’umidità necessaria. Le punte delle foglie marroni possono anche essere causate dall’aria secca e rimediate con la nebulizzazione umida.

Se questo richiede troppo tempo, puoi anche semplicemente installare un umidificatore o una fontana da interno. Ciò aumenterà l’umidità nella stanza e non è solo un bene per le tue piante, ma anche per te.

Bagno: quali piante stanno bene anche in bagno?

Nel migliore dei casi, le istruzioni per la cura sull’etichetta della pianta dovrebbero includere “ombroso”. Felci, Vandas, Spathiphyllum o Sanseveria sono adatti per ambienti con elevata umidità, il che è particolarmente vero nel bagno. Le piante non possono sopravvivere a lungo senza luce, perché l’acqua e le sostanze nutritive non possono più essere assorbite adeguatamente.

Versare correttamente e cosa si può fare di sbagliato

Dal momento che le piante devono convivere con poca terra in un vaso relativamente piccolo, difficilmente l’acqua può essere conservata. Pertanto, dovresti annaffiare più spesso e con meno acqua per evitare ristagni.

Prendersi cura delle piante: l'irrigazione è molto importante

Per innaffiare regolarmente e non troppo in una volta, un bel annaffiatoio è molto pratico. Così puoi prenderti cura perfettamente delle tue piante d’appartamento.

Se ti procuri un bel annaffiatoio che può essere aperto e raggiungibile in qualsiasi momento tra le tue quattro mura, raggiungerai spontaneamente l’annaffiatoio più spesso. Con un annaffiatoio grande e pesante, c’è più possibilità di annaffiare molto raramente e poi di annaffiare molto contemporaneamente. Ma questo atteggiamento può danneggiare le tue piante. Come spesso accade, meno è meglio! Quindi è meglio annaffiare più spesso, ma quantità minori di acqua.

Per verificare se la pianta ha bisogno di annaffiare, puoi semplicemente infilare un dito nel terreno. Quando i primi 1-2 cm sono asciutti, dovresti annaffiare.

Se l’acqua nella tua regione è molto calcarea, dovresti versare acqua minerale stantia o acqua piovana a temperatura ambiente utilizzo.

Se la tua pianta d’appartamento ha macchie marroni, ha molte foglie gialle o alcune foglie stanno cadendo, dovresti smettere di annaffiare come facevi prima.

Se la tua pianta perde foglie in modo incontrollabile, questo è un segno di ristagno. Non dovresti più annaffiare e rinvasare la tua pianta velocemente! Puoi scoprire come farlo di seguito.

Prenditi cura delle foglie e fai qualcosa di buono per la pianta

Poiché la fotosintesi avviene attraverso le foglie, è particolarmente importante che non siano ricoperte da polvere o simili. Questo rende la fotosintesi e quindi più difficile per la pianta crescere. Per evitare che ciò accada, si consiglia di pulire di tanto in tanto le foglie con un panno umido.

Prendersi cura delle piante: anche la cura delle foglie è fondamentale

Per offrire alla pianta le migliori condizioni possibili per la fotosintesi, dovresti pulire le foglie con un panno umido di tanto in tanto.

Nei periodi più freddi dell’anno, quando si riaccendono i termosifoni, l’umidità delle vostre piante potrebbe essere troppo bassa. Le foglie diventano marroni o si arricciano. In questo caso puoi spruzzare le foglie con acqua nebulizzata da un flacone spray e fornire così l’umidità di cui ha bisogno.

Dovresti rimuovere immediatamente parti di piante morte e foglie o aree colpite da parassiti.

Concimazione: è necessaria la concimazione? Se sì, quando, quanto spesso e con cosa?

Poiché i vasi delle piante hanno spesso solo una piccola capacità e quindi solo poco terreno si adatta a loro, le sostanze nutritive che contengono si esauriscono rapidamente. Per i diversi tipi di piante esistono fertilizzanti appositamente studiati per le loro esigenze. Questi forniscono alla pianta azoto, potassio e fosforo per una crescita ottimale.

Quando si fertilizza, è importante dosare prima con parsimonia. La fertilizzazione con bastoncini di fertilizzante è molto semplice, poiché questi rilasciano sostanze nutritive per mesi e forniscono alla tua pianta loro.

Se le radici delle tue piante occupano l’intero vaso, dovresti rinvasare le piante in vasi nuovi e più grandi in modo che ci sia più spazio per abbastanza terreno e molte radici. Nelle sezioni seguenti spiegheremo quale fioriera è adatta alla tua pianta e come puoi rinvasare al meglio.

Fioriera: quale misura è giusta per la mia pianta?

Per la pianta d’appartamento hai bisogno di un vaso e una fioriera. Il vaso della pianta contiene la pianta d’appartamento piantata nel terreno. Tuttavia, il vaso per piante di solito non è molto carino e fatto di plastica nera o marrone. Questo è il motivo per cui viene quindi posizionato in una fioriera per sembrare decorativo nelle tue stanze.

Ci sono fioriere in tutti i modelli, forme e colori possibili. Che siano rotonde o quadrate, semplici o colorate, in ceramica o in cestino, non ci sono limiti alle tue idee e ai tuoi desideri.

Quando si sceglie il vaso per piante, è importante assicurarsi che il vaso per piante abbia un diametro maggiore di 2-3 cm rispetto al vaso per piante. Ciò consente all’acqua in eccesso di defluire ed evaporare più facilmente e all’aria di circolare tra le due pentole. Questa distanza impedisce anche il ristagno.

Per questo motivo, non dovresti piantare le tue piante direttamente nel vaso, anche se sarebbe più bello.

I famosi vasi in terracotta sono gli unici cachepot in cui è possibile piantare direttamente la pianta. Perché attraverso un foro sul fondo e una vaschetta raccogligocce sotto la pentola, l’acqua può comunque defluire senza ostacoli. Questi vasi non sono più disponibili solo nel tipico colore arancione, ma anche in grigio o nero.

Ovviamente puoi cambiare la fioriera in qualsiasi momento se non ti piace più o se vuoi creare un nuovo stile nelle tue quattro mura. Tuttavia, il vaso della pianta dovrebbe essere cambiato solo durante il rinvaso. Nella prossima sezione ti mostreremo a cosa prestare attenzione durante il rinvaso.

Rinvaso: quando la pianta ha bisogno di un nuovo vaso più grande?

Dopo un po’, le radici di una pianta avranno esaurito i nutrienti nel terreno. Quindi la pianta crescerà più lentamente e potrebbe non sembrare più troppo fresca. A questo punto dovresti fare qualcosa di buono per la tua pianta e rinvasarla e darle nuovo terreno.

Rinvaso, cosa significa esattamente? Al momento del rinvaso, sostituisci il vecchio vaso, ora troppo piccolo, della tua pianta con un vaso di circa 2-3 cm più grande di diametro. Inoltre, la terra è cambiata. Il vecchio terreno privo di sostanze nutritive viene sostituito con terreno nuovo, fresco e ricco di sostanze nutritive.

Per rendere più facile vedere quando è arrivato il momento perfetto per il rinvaso, abbiamo elencato alcuni segnali di seguito. Tuttavia, dovresti comunque prestare attenzione alle esigenze individuali della tua pianta.

il È ora di rinvasare è venuto quando:

  • il terreno nel vaso si asciuga troppo rapidamente.
  • la pianta è così grande che il suo peso a volte fa ribaltare il vaso.
  • Vedete depositi bianchi sulla superficie della terra. L’acqua di irrigazione molto “dura” o un diradamento eccessivo e la successiva salinizzazione possono essere ragioni di ciò.
  • Le radici possono essere viste sulla superficie terrestre o nelle aree periferiche.
  • le radici formano una spirale in basso o sono molto fittamente arruffate sul bordo. In questo caso è giunto il momento di rinvasare.

In alcuni casi, tuttavia, è sufficiente rimuovere lo strato superiore della terra e sostituirlo con uno nuovo.

Se non vuoi che alcune piante diventino più grandi, puoi tagliare le radici e rimettere a dimora la pianta nel suo vaso originale.

Quanto spesso devi rinvasare?

Le piante grandi di solito hanno bisogno di essere rinvasate solo una volta all’anno o anche solo ogni 2-3 anni. È meglio farlo in primavera e in estate, poiché questo è il periodo in cui le piante prendono vita. È meglio prenderti il ​​tuo tempo per questo tra maggio e luglio. In questo momento, i primi germogli dovrebbero solo germogliare o dovrebbero apparire nuove foglie.

Trova la terra giusta

Per le comuni piante verdi, di solito è sufficiente un terriccio per piante da interno di alta qualità o un terriccio classico. Se hai tempo, vale sicuramente la pena di mescolare i granuli di argilla sotto terra. Questo aumenta il drenaggio. Ciò garantirà una buona aerazione del terreno, che è un must per la maggior parte delle piante.

Prendersi cura delle piante: il rinvaso è necessario

Non hai bisogno di utensili speciali per il rinvaso. Invece di una pala, puoi anche usare un cucchiaio grande, che viene poi lavato via accuratamente.

Se hai l’opportunità di sentire la terra prima di acquistare, dovresti assicurarti che odori di sottobosco e non di pacciame di corteccia. Inoltre, il terreno perfetto non dovrebbe essere appiccicoso e spremere nella mano, ma dovrebbe sbriciolarsi in briciole sciolte e stabili.

Quando rinvasi le tue piante, non dovresti usare il vecchio terreno povero di nutrienti per il nuovo contenitore, ma quello fresco. Perché le frequenti annaffiature hanno compattato la terra e la necessaria concimazione fa gradualmente salinizzare la terra. Se hai un compost, puoi metterci sopra il vecchio terreno e riutilizzarlo in seguito, altrimenti è consigliabile smaltire il vecchio terreno.

I terreni senza torba, che sono stati arricchiti con humus di corteccia, fibre di legno o compost, ad esempio, hanno una capacità di accumulo idrico maggiore rispetto ai terreni contenenti torba.

Per piante con esigenze particolari, come orchidee o cactus, ora esistono tipi di terreno speciali che sono stati adattati alle loro esigenze.

Piante d’appartamento di facile manutenzione

Se, come principiante, acquisti un tipo di pianta difficile da curare, la probabilità di delusione è alta. Pertanto, in questo caso dovresti piuttosto scegliere una delle seguenti piante di facile manutenzione. Sono molto robusti, poco impegnativi e abbelliranno la tua stanza per molto tempo.

Zamioculcas / piuma fortunata

La piuma della fortuna proviene da regioni molto secche e può quindi resistere a lungo senza acqua fresca di irrigazione. Pertanto, questa pianta è perfetta per tutti coloro che non pensano di annaffiare così spesso o che sono via più spesso.

piede di elefante

Il piede di elefante probabilmente ha preso il nome dal fatto che la proboscide è larga nella parte inferiore come una zampa di elefante. Le foglie lunghe e strette crescono dalla punta. Questa pianta in realtà ha bisogno solo di una posizione soleggiata per sentirsi a proprio agio ed è quindi molto popolare.

Monstera / anta della finestra

Un mostro o qualcosa del genere Tutti hanno già visto l’anta di una finestra. Le foglie dalla forma molto particolare con rientranze o buchi sono molto popolari e si trovano in quasi tutte le case. Questa pianta d’appartamento ha solo bisogno di essere annaffiata regolarmente e rinvasata in un vaso più grande ogni pochi anni.

Geldbaum

L’albero dei soldi, noto anche come albero della fortuna o del penny, è una pianta d’appartamento molto diffusa negli appartamenti e nelle case. Spesso questa succulenta viene regalata in quanto rappresenta una vita felice senza preoccupazioni finanziarie. Se le foglie carnose e incorniciate di rosso della pianta diventano morbide e possono essere facilmente spremute, è tempo di annaffiare di nuovo, ma per il resto l’albero dei soldi non ha bisogno di molta acqua.

Flamingoblume

Il fiore del fenicottero con le sue brattee rosse e le pannocchie gialle fa qualcosa in ogni appartamento. La bellezza tropicale richiede temperature superiori ai 20 gradi Celsius e un luogo senza luce solare diretta.

Yucca-Palme

Le palme Yucca sono molto popolari per la loro natura robusta e di facile manutenzione. Ma una yucca ha anche un bell’aspetto e abbellisce il tuo appartamento senza dover fare grandi richieste.

Propagazione di piante da interno: ecco come puoi facilmente creare una nuova piccola pianta

Indipendentemente dal fatto che sia per te o per i tuoi cari, far crescere nuove piante dalle vecchie piante d’appartamento può essere molto divertente. Ci sono modi molto diversi di creare un nuovo impianto per le varie specie vegetali. Vogliamo mostrarvi questi ora. In questo modo, puoi regalare una pianta ai tuoi amici o moltiplicarla per le tue quattro mura senza spendere soldi.

propaggine

Piante come il giglio verde formano piccole propaggini sul germoglio principale che sembrano una variante in miniatura della pianta madre. Non appena le loro foglie sembrano forti, puoi tagliarle il più vicino possibile alla pianta madre con un coltello molto affilato.

Se la tua propaggine non ha ancora radici, puoi usare la seguente variante di far crescere le radici in un bicchiere d’acqua. Una volta che le tue talee hanno messo radici con questo metodo, puoi continuare a piantare nel terreno.

Se il germoglio ha già radici, puoi piantarlo direttamente nel terreno e annaffiarlo solo moderatamente per il tempo successivo. Inoltre, la piccola pianta non dovrebbe stare sotto il sole cocente e avere una temperatura di oltre 19 gradi Celsius intorno.

Formazione delle radici in acqua

Puoi utilizzare questa variante di coltivazione anche su piante che vedi fuori o con gli amici. Tutto quello che devi fare è tagliare un germoglio lungo circa 10 centimetri dalla pianta e metterlo in un bicchiere d’acqua in un luogo luminoso a temperatura ambiente.

Dopo due o tre settimane, dovrebbero essersi formate le radici e puoi piantare la tua pianta nel terreno o in un altro substrato e annaffiarla con un po’ d’acqua. Tuttavia, dovresti assicurarti che le tue riprese non siano così lunghe nell’acqua che le radici formino un groviglio.

Identificare e correggere i problemi con le piante d’appartamento: sintomi di stress delle piante verdi

La tua pianta lascia pendere le foglie, alcune foglie ingialliscono o hanno le punte marroni e non sai nemmeno cosa fare?

Quindi vorremmo aiutarti e abbiamo elencato alcuni segni tipici delle piante e assegnato il problema dietro di loro. Da ciò si può sempre ricavare una misura che dovrebbe essere buona per la pianta.

6 errori comuni: cosa può danneggiare le piante?

Molto spesso capita che le piante versato troppo volere. Soprattutto, una grande quantità d’acqua in una volta e a lunghi intervalli può danneggiare una pianta. Pertanto, cerca di fornire alle tue piante acqua più regolarmente e in quantità minori per evitare danni da ristagno.

Non è sempre così facile Scegliere la posizione giusta, ma ci sono anche alcuni suggerimenti utili per questo, che ti abbiamo già presentato nella sezione “Posizione perfetta per piante da interno”. È meglio prestare attenzione a ciò che è annotato sull’etichetta della pianta e posizionare le piante di conseguenza nelle quattro pareti.

Non concimare le piante d’appartamento è anche un grave errore. Perché dopo un po’, anche nel terreno migliore, le sostanze nutritive si esauriscono e possono essere fornite dal fertilizzante.

Non rinvasare le piante ora dovrebbe essere un errore del passato. Per crescere bene, la pianta ha bisogno ogni tanto di un nuovo vaso più grande.

Pianta piante da interno nel vaso Sebbene di solito sembri più bello, spesso non è vantaggioso per la pianta. Senza fori di drenaggio nella pentola, il ristagno si verifica più rapidamente. Se la pianta è impregnata d’acqua, è rimasta in troppa acqua per troppo tempo e le radici possono iniziare a marcire. Utilizzare sempre una pentola che permetta all’acqua in eccesso di scolare.

I parassiti spesso non vengono riconosciuti in tempo e da allora hanno già causato danni considerevoli. Afidi, acari, tripidi o moscerini sciaridi possono essere tutti possibili colpevoli. Osserva bene le tue piante ogni volta che le innaffi e presta attenzione anche alla parte inferiore delle foglie.

Riconoscere e rimediare a problemi e sintomi di stress nelle piante d’appartamento

Di solito puoi dire cosa manca alla tua pianta da alcuni segni. Li abbiamo elencati per voi nella tabella seguente e suggerito misure appropriate per risolvere il problema.

Segni della pianta Problemi e sintomi di stress misurare
foglie bucate e snocciolate Infestazione da parassiti Controllo dei parassiti
rapida e notevole perdita di foglie Ristagno (troppa acqua) annaffiare meno immediatamente e mantenere la pianta più asciutta
foglie gialle, inclinate o con macchie marroni Ristagno (troppa acqua) annaffiare meno immediatamente e mantenere la pianta più asciutta
foglie flaccide o punte di foglie marroni aria secca fornire più umidità o cambiare posizione
punte gialle o foglie che cadono temperatura troppo bassa Cambia posizione o aumenta la temperatura
foglie giallastre, pallide e scarsa crescita stordimento leggero Cambia posizione
boccioli di fiori che cadono bozze Cambia posizione

Infestazione da parassiti nelle piante d’appartamento: come sbarazzarsi dei parassiti?

La maggior parte dei parassiti è davvero dannosa solo per le piante. Alcuni manomettono le foglie e le mordicchiano. Altri, invece, manomettono le radici del tutto inosservati, come le larve dei moscerini sciaridi. Pertanto, è meglio agire contro i parassiti sulle piante d’appartamento il più rapidamente possibile.

Abbiamo elencato per voi le caratteristiche più tipiche e i parassiti da esse riconoscibili nella tabella seguente. Naturalmente, la cosa più importante e interessante è come sbarazzarsi dei parassiti. A tal fine, abbiamo illustrato le misure per combattere i parassiti più comuni.

segnare peste Misura per il controllo dei parassiti
piccole mosche nere nella terra che volano via quando innaffiano Moscerini sciaridi
  • strato di 2-3 mm di spessore Sabbia per uccelli o ciottoli sulla terra
  • partite Metti la testa di accensione nella terra: durante l’irrigazione, vengono rilasciati i componenti dello zolfo, che uccidono le larve
  • Pannelli gialli conficcato nel terreno: il colore attira i moscerini dei funghi, che si attaccano ai lati adesivi
  • Metti il ​​terriccio appena acquistato nel forno a 200 gradi per 20 minuti per uccidere i parassiti
chiazze fini e leggere sulla pagina superiore della foglia o filamenti bianchi Acari di ragno
  • Pianta delicatamente sotto la doccia doccia off e coprire la chioma della pianta con un sacchetto ermetico per una settimana, l’elevata umidità uccide gli acari
  • Miscela di olio e acqua: Mescolare 1 litro d’acqua con 250 ml di olio di colza e spruzzare sulle piante infestate due volte alla settimana (l’olio ostruisce le vie respiratorie e soffoca i ragnetti rossi)
melata appiccicosa escreta da pidocchi verdi, gialli, marroni o grigi; Colonie di afidi che attaccano parti di piante afidi
  • Asciugare sopra la vasca da bagno può già aiutare
  • Per piante piccole: coprire il vaso con un sacchetto ermetico per proteggere il terreno e l’intera pianta per 2 ore immergere in acqua tiepida, ecco come annegano gli afidi
macchioline chiare e difficili da vedere; Escrementi di feci

spesso con orchidee, alberi della gomma e ciclamino

tripsen
  • Coprire il vaso con un sacchetto ermetico per proteggere il terreno e Fare la doccia una volta a settimana fino a quando non si vedono più parassiti

Curiosità: cos’altro dovresti sapere sulla cura delle piante

Ormai dovresti sapere tutto ciò che devi sapere sulla cura delle piante d’appartamento. Qui ti mostriamo come prosperano le erbe nella tua cucina e cosa cercare con le piante appese.

Orto delle erbe: a cosa dovresti prestare attenzione quando ti prendi cura delle erbe?

Spesso compri un vasetto di basilico o prezzemolo al supermercato perché hai bisogno delle erbe aromatiche per un piatto o qualcosa di simile e vuoi che la pianta cresca dopo. Tuttavia, spesso va storto. Ti mostreremo ora perché questo accade e come puoi prevenirlo.

Prendersi cura delle erbe: la cura delle piante d'appartamento diventa facile

Per cucinare sono necessarie una o due erbe. Ti mostreremo come prenderti cura di loro in modo ottimale.

Con i vasi per erbe convenzionali, dovresti dividere le singole piccole piante in 2-3 vasi per piante. Perché nei vasi che si possono acquistare, le piante sono troppo vicine tra loro, ostacolano la crescita reciproca e non hanno abbastanza nutrienti nel terreno. Puoi evitarlo dividendolo in più pentole.

Per il trapianto, puoi estrarre una ad una le piantine dal terreno e piantarle singolarmente nel nuovo terreno. Un’altra possibilità è quella di rompere semplicemente la palla di terra a metà strada stabile in tre parti e poi piantarla in nuovi vasi per piante, bordati con nuovo terreno.

Basilico e prezzemolo necessitano di circa 100 ml di acqua al giorno, con l’erba cipollina può essere un po’ di più. Quando si innaffia il basilico, è necessario assicurarsi di annaffiare dal basso, cioè non lasciare che l’acqua scorra sulle foglie, ma piuttosto versarla direttamente sul terreno.

Il pieno sole in una finestra esposta a sud non è proprio buono per tutte le erbe. Le posizioni parzialmente ombreggiate sono più consigliate.

Per suggerimenti più esperti, ti consigliamo questo video dal controllo del mercato SWR sulle erbe da cucina:

Piante da appartamento sospese: quali sono particolarmente facili da curare?

Le piante d’appartamento sospese che pendono dal soffitto usando corde con bellissime trecce stanno diventando sempre più popolari. Vorremmo ora presentarvi i tipi di piante che sono particolarmente adatte per un tale progetto. La maggior parte di queste specie sono in realtà piante rampicanti, ma non possono crescere verso l’alto senza un supporto rampicante, quindi i loro germogli si formano verso il basso e poi si intrecciano elegantemente sul bordo del vaso.

Piante da appendere di facile manutenzione

Le piante pendenti stanno davvero bene! Qui ti mostriamo come trovare le migliori piante per un progetto del genere.

La specie vegetale più nota adatta a questo progetto è l’Efeutute o il filodendro rampicante dall’aspetto simile. Il cactus corallo sembra anche molto divertente in un vaso sospeso e, soprattutto, esattamente come suggerisce il nome. Il fiore del candelabro in particolare è diventato sempre più popolare negli ultimi anni. I rami estremamente fini e le foglie rotonde verde chiaro si adattano ad ogni appartamento.

La pianta che si vede all’estrema sinistra nella foto è perfetta anche per un cesto appeso. È una pianta di pisello che può sopportare molto sole e raramente necessita di annaffiature.

Nel caso di piante pendenti, si consiglia di porre nel vaso uno strato drenante di ghiaia o simile sotto il terreno. L’irrigazione può essere molto complicata se le piante pendono molto male. In questo caso, puoi semplicemente posizionare un cubetto di ghiaccio sopra il terreno. L’acqua di scioglimento viene quindi tirata lentamente nella terra e allo stesso tempo si evita un’eccessiva irrigazione e il conseguente gocciolamento dal vaso.

Conclusione

Prendersi cura delle piante d’appartamento in realtà non è poi così complicato una volta che hai interiorizzato le più importanti idee di base sulla cura. E poi le tue piante possono rendere la tua casa molto più accogliente e familiare in pochissimo tempo.

Inoltre, la tua nuova routine di cura può anche aggiungere qualcosa di molto calmante e rinfrescante alla tua vita quotidiana possibilmente frenetica. Quando smetti di guardare le tue piante come decorazioni, noterai quanto sia importante per te che stiano bene.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.