L’arte della resina è attualmente di tendenza. Ma cosa significa in realtà? “Resin Art” si riferisce a creazioni fai da te utilizzando resina epossidica. Ma come si affronta la resina epossidica e cosa e come si può progettare? In questo articolo, ti mostreremo tutte le basi importanti per lavorare con la resina epossidica. Inoltre, imparerai come realizzare le tue prime creazioni.

La resina epossidica può essere utilizzata in diversi modi. Con la giusta resina si possono rivestire sia mobili che pavimenti e si possono creare anche quadri artistici. Non ci sono quasi limiti alla tua creatività. Da un lato ci sono resine sottili con un basso valore di viscosa e dall’altro ci sono resine più viscose con un valore di viscosa relativamente alto.

In questo articolo ci concentriamo principalmente sulla lavorazione delle resine a bassa viscosità, particolarmente adatte alla colata.

l’essenziale in breve

  • La resina è una resina sintetica adatta per piccoli lavori artistici di hobby, nonché per rifinire e sigillare pavimenti, mobili e altri oggetti.
  • La resina epossidica viene lavorata nella sua forma liquida originale e poi si indurisce.
  • Liberamente personalizzabile con vari elementi decorativi (luci, colori, glitter, ecc.)
  • La resina epossidica è un materiale di lunga durata e abbastanza robusto una volta indurito.

Cos’è l’arte della resina?

Resin Art descrive la produzione di oggetti artistici con l’ausilio della resina epossidica. La resina epossidica è una miscela di resina e indurente. Questi due fondi sono liquidi e vengono venduti separatamente. Se mescoli insieme questi due componenti, si innesca una reazione chimica che fa solidificare la resina.

Sfondo: cosa dovresti sapere sull’arte della resina e sulla resina epossidica:

Vorresti provarlo anche tu e creare le tue creazioni con l’aiuto della resina epossidica? Abbiamo riassunto tutto ciò di cui hai bisogno per questo e preziosi consigli per ogni principiante nella parte seguente.

Quale resina epossidica è la migliore?

La resina epossidica è una sostanza chimica che può differire l’una dall’altra in termini di composizione. Oggigiorno esistono diverse resine da colata che sono costituite almeno in parte da ingredienti naturali e possono quindi essere considerate più sostenibili. Inoltre, c’è anche una resina epossidica per alimenti che è persino dotata di un sigillo di prova. A seconda di ciò che si desidera ottenere di più, questo può essere raccomandato.

In linea di principio, tuttavia, ogni resina epossidica disponibile in commercio è sicura per gli alimenti e sicura (non appena si è asciugata e indurita) se è a contatto con il cibo solo per un breve periodo. In caso contrario, le resine possono differire tra loro per durezza, resistenza al calore e sensibilità. A seconda di cosa vuoi usare per i tuoi manufatti in resina, dovresti chiedere di nuovo un consiglio personale se necessario.

Da dove posso prendere la resina?

È possibile ottenere la resina epossidica nei negozi nei negozi di ferramenta o nei negozi specializzati appropriati. L’esperienza ha dimostrato che la selezione online è più ampia e generalmente più economica. Inoltre, puoi trovare numerosi fornitori online che vendono resina e, ad esempio, trovare anche quello che stai cercando su mercati online come Amazon.

Quali criteri dovresti considerare quando acquisti resina epossidica?

Le resine possono differire tra loro nei seguenti punti:

  • Tempo di polimerizzazione richiesto
  • Durezza a secco
  • Proprietà adesiva
  • La sicurezza alimentare
  • Spessore massimo per strato verniciabile
  • Viscosità (più alto è il valore, più viscosa è la resina)

Se prevedi solo di realizzare piccoli oggetti artigianali personalizzati in resina, è meglio una resina con una viscosità relativamente bassa. Gli altri criteri sono quindi di secondaria importanza.

Di che tipo di accessori hai bisogno?

Se vuoi realizzare i tuoi oggetti artigianali dalla resina, allora hai bisogno di alcuni utensili. A seconda di cosa esattamente si desidera produrre, la necessità di accessori appropriati è diversa. Di seguito abbiamo riassunto ciò di cui hai bisogno per iniziare subito:

  • Resina epossidica (resina + indurente)
  • scala
  • possibilmente colore
  • eventualmente elementi decorativi (es. lamina d’oro, glitter, fiori secchi, ecc.)
  • Spatola di legno
  • tazza di miscelazione
  • Asciugacapelli o becco Bunsen
  • possibilmente stampi in silicone
  • documenti
  • Indumenti protettivi (protezione abbigliamento, guanti, maschera)

    Attenzione: La resina epossidica è difficile o impossibile da rimuovere. Inoltre, la resina epossidica è tossica allo stato liquido e dovrebbe essere evitato il contatto diretto con la pelle. È necessario tenerne conto durante l’elaborazione e l’utilizzo di documenti e indumenti protettivi appropriati.

Resin Art: istruzioni passo passo

Qui spieghiamo passo dopo passo come creare la tua opera d’arte. Prima di procedere con la resina epossidica, assicurati di avere abbastanza spazio e che la tua superficie di lavoro, i vestiti e te stesso siano adeguatamente protetti.

  1. La miscelazione
  2. La decorazione
  3. il versamento
  4. L’indurimento
  5. L’ulteriore elaborazione

Miscelazione della resina epossidica

Se mescoli la resina liquida con l’indurente, il rapporto tra resina e indurente dovrebbe essere idealmente 1: 1 o 1: 2. Questo è il modo migliore per indurire. Si noti che l’aggiunta di una quantità maggiore di indurente non accorcia automaticamente il processo di indurimento. Dopo aver mescolato con una spatola di legno, è meglio lasciare riposare la resina per un minuto in modo che alcune bolle d’aria scompaiano già o utilizzare un essiccatore ad aria calda o un becco Bunsen.

Tuttavia, si consiglia di dare un’altra occhiata anche alle corrispondenti istruzioni per l’uso della resina utilizzata. Successivamente, puoi aggiungere vari coloranti o, ad esempio, glitter, come desideri. Puoi scoprire come colorare la tua resina qui sotto.

La decorazione

Quando progetti, puoi esprimere appieno la tua creatività. Puoi colorare la tua resina come preferisci e decorarla con tutti i tipi di elementi decorativi. Lamina d’oro, fiori secchi, brillantini, perle e simili sono usati particolarmente frequentemente. Ma fondamentalmente non ci sono limiti alla tua creatività. Tuttavia, dovresti prestare attenzione ai tempi di lavorazione della tua resina, che puoi trovare nelle istruzioni per l’uso.

A seconda del tipo di resina, il tempo di lavorazione può essere compreso tra 25 e anche 90 minuti. Solo durante questo periodo puoi decorare e lavorare la tua resina di conseguenza, perché poi inizia l’essiccazione. In particolare, anche il versamento dovrebbe avvenire entro questo tempo.

Sottobicchieri in resina fatti a mano.

Ecco una piccola idea di design, ad esempio come potresti progettare un sottobicchiere in vetro artistico in resina con lamina d’oro.

il versamento

Dovresti prestare particolare attenzione quando versi in modo che nulla vada storto. In questa fase è importante controllare le istruzioni per l’uso per lo spessore massimo dello strato che può essere applicato. Se stai solo creando un’immagine dalla resina, uno strato sarà sufficiente.

Tuttavia, se vuoi creare una forma più spessa dello spessore massimo specificato di uno strato, devi lavorare con diversi strati successivi e attendere dopo ogni strato che la resina si indurisca fino a quando non puoi versare il nuovo strato sopra.

L’indurimento

Dobbiamo distinguere tra il tempo di presa e il tempo di asciugatura completa. Mentre possono essere necessarie circa 24-72 ore per indurire completamente, può essere necessaria fino a una settimana per asciugarsi completamente.

Un fattore importante che influenza il processo di polimerizzazione è la temperatura ambiente. Maggiore è la temperatura, più velocemente la resina si asciuga.

L’ulteriore elaborazione

Se necessario, vuoi lavorare di conseguenza sulla tua opera d’arte indurita. Ad esempio, puoi carteggiare, lucidare, praticare fori o dipingerlo.

Curiosità: cos’altro dovresti sapere sull’arte della resina

Qui rispondiamo ad ulteriori domande che potrebbero sorgere quando si lavora con la resina.

Come si colora la resina epossidica?

Esistono diversi modi per colorare la resina. Oltre ai coloranti liquidi, per la colorazione sono adatti anche speciali pigmenti colorati in polvere, paste e colori acrilici liquidi, inchiostri e inchiostri alcolici. Tuttavia, dovresti assicurarti che il colorante che usi sono anche molto adatti per colorare la resina epossidica. A seconda dell’agente utilizzato, i risultati del colore possono differire l’uno dall’altro.

Quando si mescola la vernice, è importante che la vernice venga mescolata accuratamente e accuratamente. Una spatola di legno è la cosa migliore per questo.
Durante il dosaggio si consiglia un rapporto di miscelazione di 1:10 (colore: resina).

Attenzione: Dovresti assicurarti che non venga aggiunta acqua alla resina durante il processo di miscelazione, poiché ciò rende la resina lattiginosa e non può indurirsi completamente.

Resina epossidica colorata

Colora la tua resina epossidica individualmente per la tua opera d’arte in resina.

Come si fa a tirare fuori dallo stampo la propria acrobazia in resina?

È importante attendere che il lavoro si sia completamente indurito e asciugato. La resina deve essere dura e non più appiccicosa. Si consiglia di utilizzare stampi in silicone, in quanto questi sono particolarmente flessibili e questo rende molto più facile rimuovere il lavoro dallo stampo.

Come si evita la formazione di bolle d’aria quando si maneggia la resina epossidica?

Sia l’agitazione che il versamento nel rispettivo stampo possono causare la formazione di bolle d’aria nella resina. In modo che si formino meno bolle d’aria possibile, si consiglia di mescolare lentamente la resina e riscaldarla di tanto in tanto. Puoi usare un asciugacapelli o un becco Bunsen per questo. Il calore fa sì che le bolle d’aria salgano in superficie e si dissolvano.

Attenzione: Assicurati di mantenere una distanza di almeno 10 cm dalla resina durante il riscaldamento e mantieni la fonte di calore in movimento in modo che la resina non inizi a bollire e a formare grumi.

Cosa devo fare se la resina non si indurisce completamente?

Hai lasciato asciugare la tua opera d’arte per il tempo specificato nelle istruzioni per l’uso, ma non è ancora completamente indurita? Il motivo può essere un rapporto di miscelazione errato dei componenti o una miscelazione insufficiente. A volte le cose possono andare storte. Ma non disperare, potresti essere ancora in grado di salvare la tua impresa. Se solo lo strato superiore non è completamente polimerizzato, puoi provare a rimuoverlo con l’aiuto di acetone, ad esempio, e versarci sopra un nuovo strato fresco di resina da colata.

Quando mescoli di nuovo la resina epossidica, questa volta puoi aumentare leggermente la quantità di indurente.

Conclusione

La resina è un prodotto flessibile che non lascia limiti alla tua fantasia e può essere personalizzato liberamente. Puoi dare libero sfogo alla tua creatività senza troppi sforzi. Esistono diversi moduli sul mercato che è possibile utilizzare. Puoi persino creare le tue forme usando il silicone. All’inizio potresti dover provare un po’ fino a quando non hai trovato la resina epossidica più adatta e la tecnologia migliore per te.

La cosa più importante, tuttavia, è maneggiare con cura e proteggersi adeguatamente durante la lavorazione. Speriamo che la nostra guida ti abbia avvicinato alla Resin Art e forse presto realizzerai le tue creazioni. Per ispirarti un po’ di più, puoi dare un’occhiata ad alcuni link correlati nella sezione seguente.

Ulteriori fonti

Vuoi realizzare sottobicchieri sotto forma di geodi? Ecco le istruzioni.

Vuoi saperne di più sulla composizione e la tossicità della resina epossidica? Allora leggi qui.

A volte qualcosa può andare storto! Puoi trovarne uno qui per quello Istruzioni per la rimozione di resina indesiderata.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.