Le pitture a guazzo potrebbero non essere le più conosciute, ma sono estremamente versatili – dopotutto, sono indicate come un incrocio tra acquerelli e colori acrilici. Un’ampia varietà di risultati può essere ottenuta con numerose tecniche di pittura che non possono essere ottenute con altri colori.

Come principiante, può valere la pena conoscere e padroneggiare anche questo tipo di colore. Ti mostreremo le migliori tecniche di pittura per principianti, con le quali le tue foto avranno successo.

Indice

l’essenziale in breve

  • La pittura a guazzo è conosciuta come una miscela di acquerello e pittura acrilica ed è quindi estremamente versatile
  • È molto coprente, lavabile, ha una forte luminosità ed è particolarmente enfatizzato su fondi scuri
  • Si asciuga anche molto rapidamente, ma l’aggiunta di acqua può richiedere più tempo per asciugarsi
  • Come principiante, i tutorial, le istruzioni e le immagini di riferimento sulla pittura a guazzo possono essere una buona guida

Cos’è la pittura a guazzo?

La vernice a guazzo è una vernice classica utilizzata per dipingere immagini audaci con tonalità sature. La sua luminosità è particolarmente evidente su sfondi più scuri. Fondamentalmente, è uno dei colori più facili da usare, in quanto consente frequenti sovraverniciature senza problemi e consente la correzione degli errori.

Sfondo: cosa dovresti sapere sulla pittura a guazzo

Qui abbiamo raccolto per te le informazioni più importanti sulla pittura a guazzo. Questi possono aiutarti a capire meglio i colori a guazzo.

Ti forniremo anche un confronto tra gouache e altri colori per mostrarti come funzionano. Quasi nulla ostacola la pittura!

Di cosa è fatta la pittura a guazzo?

La pittura a guazzo di solito consiste in pigmenti colorati, gesso, a volte più o meno acqua e gomma arabica. Al giorno d’oggi, molti prodotti contengono pigmenti di colore bianco anziché gesso, poiché garantiscono una migliore qualità del colore.

Pigmenti colorati a guazzo in diverse tonalità

Ogni colore è realizzato con l’aggiunta di pigmenti colorati che appaiono in tutti i modi diversi.

La gomma arabica è un legante ottenuto dalle piante. Questo è contenuto anche in alcuni alimenti ed è innocuo. Tuttavia, alcune persone potrebbero essere allergiche ad esso. Nei moderni prodotti a guazzo, sono parzialmente sostituiti da altre sostanze, che possono variare da marca a marca.

Quali sono le caratteristiche della pittura a guazzo?

Qui riassumiamo brevemente le proprietà tipiche della pittura a guazzo.

Molto forte

La pittura a guazzo è fondamentalmente brillante e satura. L’elevata luminosità del colore forte lo rende molto apprezzato dagli artisti.

rivestimento

Se vuoi che i colori della tua immagine siano ancora più luminosi, dipingi più strati. La vernice a guazzo si nasconde meglio della maggior parte dei colori. Ciò consente inoltre di correggere facilmente gli errori.

Asciuga rapidamente

Inoltre, la vernice a guazzo si asciuga rapidamente, a differenza degli acquerelli o dei colori ad olio. I colori sono la scelta giusta se ti piace dipingere velocemente.

Può essere diluito con acqua

La pittura a guazzo può essere diluita con acqua in modo da rendere possibili una varietà di tecniche pittoriche. A seconda di quanta acqua usi, il tempo di asciugatura può richiedere più tempo.

Lavabile

Inoltre, la pittura a guazzo è lavabile e idrosolubile, motivo per cui le immagini possono essere corrette senza problemi. Il colore può anche essere lavato via facilmente dai vestiti.

Inodore

La vernice a guazzo è inodore, il che la rende più piacevole da usare, anche per lunghe sessioni di pittura.

Su quale superficie puoi dipingere con i colori a guazzo?

La migliore base per la pittura a guazzo è la carta per acquerello. Più è spesso e strutturato, meglio è: nel processo di verniciatura utilizzerai spesso l’acqua, che deforma la carta normale.

Fiori dipinti a guazzo su carta scura

I colori a guazzo sono particolarmente efficaci su sfondi scuri.

Questo è evitato con la carta per acquerelli. Sono adatte anche scatole di cartone e tele. Qui ti mostriamo le migliori varianti di carta per acquerello in confronto per aiutarti nella decisione di acquisto.

Quali pennelli sono adatti per dipingere con i colori a guazzo?

Fondamentalmente qualsiasi tipo di pennello può essere utilizzato per le pitture a guazzo. Tuttavia, i pennelli per acquerelli sono i migliori. Qui abbiamo elencato i migliori pennelli per te.

Qual è la differenza tra la pittura a guazzo e altri colori?

Per utilizzare correttamente la tempera, dovresti essere consapevole delle proprietà della tempera e di come si differenzia dagli altri colori. Di seguito abbiamo riassunto le caratteristiche più importanti dei diversi colori.

Pittura a guazzo e pittura a tempera

La pittura a tempera è il colore che viene più spesso confuso con la pittura a guazzo. In termini di luminosità e opacità, entrambi sono molto simili. La differenza più importante, tuttavia, sono gli ingredienti.

La tempera è composta da pigmenti colorati, gesso, acqua e gomma arabica, mentre la tempera è composta da pigmenti colorati, acqua, tuorlo d’uovo (o polvere d’uovo) e olio. Se c’è più olio nella pittura a tempera, resiste all’acqua. Con meno olio e più acqua, è più sensibile all’acqua, simile alla guazzo.

Il contenuto di olio influenza anche il tempo di asciugatura con la pittura a tempera. Più olio c’è, più tempo richiederà il processo.

Pittura a guazzo e pittura acrilica

Rispetto alla pittura acrilica, la tempera è solubile in acqua. Inoltre, la tempera ha una maggiore opacità e luminosità. La vernice acrilica prende il nome dal legante acrilato puro. È molto vario, ha una vasta gamma di colori ed è un buon punto di partenza per i principianti.

Inoltre asciuga rapidamente e si diluisce con acqua, motivo per cui sono adatti anche per imbianchini più veloci.

Pittura a guazzo e pittura ad olio

La pittura ad olio, a differenza della pittura a guazzo, impiega molto tempo per asciugarsi. L’elevata percentuale di olio assicura che questo processo sia prolungato. Per quanto riguarda l’effetto colore e le diverse possibilità di effetti, la pittura ad olio è più versatile. La guazzo, d’altra parte, richiede meno esperienza della pittura ad olio.

Pittura a guazzo e pittura ad acquerello

La pittura ad acquerello consente effetti belli e versatili che sono particolarmente evidenti su uno sfondo bianco, poiché riflette bene il colore. Il colore a guazzo è più efficace su uno sfondo scuro, poiché rappresenta perfettamente la luminosità del colore.

La principale differenza tra acquerello e tempera, tuttavia, è che la tempera può essere utilizzata per correggere gli errori senza problemi, poiché è facile da dipingere. La pittura ad acquerello, d’altra parte, non è facile da lavorare se si commette un errore.

Le differenze in poche parole

In questa piccola tabella abbiamo riassunto per voi alcune proprietà di base dei diversi colori:

colore Luminosità Opacità Tempo di asciugatura
Pittura a guazzo Terroso e noioso Copertura forte Per lo più molto brevemente
Temperafarbe Molto leggero e opaco Per lo più molto opaco Per lo più breve
Colori acrilici più scuro Raramente opaco Molto corto
Pittura a olio Molto scuro Per lo più copre Molto lungo
Pittura ad acquerello Molto luminoso Difficilmente copre desiderio

Come dipingere con i colori a guazzo: 5 tecniche di pittura per principianti

Qui abbiamo riassunto le migliori tecniche di pittura con le quali i tuoi primi quadri avranno successo. Ma prima è importante essere preparati. Assicurati di avere con te quanto segue:

  • Colori a guazzo
  • Contenitore d’acqua
  • Spazzole multiple
  • Dipingere sottoterra
  • Fazzoletti / carta igienica / asciugatutto

Consiglio: Come con la maggior parte dei colori, la pittura a guazzo può funzionare con colori scuri sopra quelli chiari. La cosa pratica della tempera è che i colori chiari possono anche essere dipinti sopra i colori scuri. Nota che a volte ha senso dipingere su aree chiare di colore, come aree che sono state dipinte sopra le applicazioni ripetute possono diventare “fangose”.

Questa sezione riguarda le tecniche generali per mescolare e dipingere i colori a guazzo che potrai usare con la pratica. Tieni presente che dovresti provare a ripetere ogni tecnica per scoprire quale funziona per te. Con molto tempo e pazienza riuscirai nelle tecniche e diventerai parte del tuo intuito.

Lasurtechnik

La tecnica dello smalto è una tecnica pittorica che può essere facilmente implementata con la pittura a guazzo. L’obiettivo è quello di dipingere i colori uno sopra l’altro in strati, per cui la luminosità e l’opacità dei colori a guazzo entrano in gioco.

Poiché la tempera si asciuga rapidamente con una piccola quantità d’acqua, la tecnica è perfetta per questo colore: si presume che i colori siano asciutti prima di applicare un nuovo strato. Altrimenti, si mescoleranno, cosa che dovrebbe essere evitata con questa tecnica.

Colori a guazzo colorati con l'uso della tecnica dello smalto

La tecnica dello smalto consente di esaltare la luminosità dei colori a guazzo.

Passaggio 1: disegna l’immagine

Uno schizzo può essere di grande aiuto quando si dipingono immagini. Immagina cosa vorresti dipingere e disegnare contorni meno dettagliati con una matita sulla superficie.

Passaggio 2: crea lo sfondo

Dopo aver scelto e miscelato i tuoi colori preferiti, puoi iniziare a disegnare lo sfondo. Hai tutti i tipi di libertà.

Gli sfondi chiari aumentano principalmente il bagliore, ma i colori a guazzo hanno una luminosità speciale con gli sfondi più scuri. Sentiti libero di sperimentarlo. Disegna sui tuoi colori e ignora gli oggetti nella parte anteriore dell’immagine all’inizio.

Con questa tecnica è importante dipingere più strati di colori uno sopra l’altro. In questa parte inizi con i colori più chiari. Nella prossima sezione con i colori scuri.

Passaggio 3: ombreggia lo sfondo

Assicurati che le vernici siano asciutte. I colori che hai usato prima dovrebbero essere convertiti in tonalità più scure mescolando. Dipingi i colori scuri dove ci sono le ombre.

Consiglio: Cerca in Internet immagini con riferimenti e modelli che ti aiuteranno a vedere dove cadono le ombre. Altrimenti, ci sono tutti i tipi di tutorial pratici su YouTube.

Passaggio 4: creare il primo piano

Dipingi ancora diversi strati di vernice uno sopra l’altro. È meglio iniziare con colori chiari. Quando i colori sono asciutti, dipingi i colori scuri e le ombre. Con la tempera è anche possibile applicare la vernice bianca. Altri colori non lo consentono e dipendono dal mantenimento di uno sfondo bianco.

Passaggio 5: dipingere i dettagli

È meglio usare un pennello più sottile per questo. Prenditi il ​​tuo tempo per lavorare su tutti i punti più precisi. Una mano ferma è molto importante qui. Infine, lascia asciugare la tua immagine quando sei soddisfatto.

Avviso: Le prossime sezioni sulla pittura e sulle tecniche di miscelazione non tratteranno il design esemplare della stanza come qui. Invece, riguarderà più i principi della corretta interazione dei colori dei colori a guazzo.

Tecnica bagnato su bagnato

Questa tecnica mista è più comunemente usata con acquerelli e oli e funziona anche con la pittura a guazzo. Il principio è quello di bagnare la superficie con acqua per poi applicare i colori e creare sfumature fluide.

Colori a guazzo colorati con tecnica bagnato su bagnato

Con la tecnica bagnato su bagnato si possono creare effetti acquerello e transizioni fluide.

Poiché viene utilizzata molta acqua, i colori e le sfumature sono molto tenui. Inoltre, non sono così forti come al solito a causa dell’alto contenuto di acqua. Invece, le aree bianche della carta che brillano attraverso i colori vengono lasciate passare. Questo crea una bella interazione tra lo sfondo e i colori a guazzo.

Avviso: Non hai il massimo controllo sull’emorragia del colore poiché si diffonde automaticamente in molti punti.

Passaggio 1: scegli un colore

Scegli i colori a guazzo che vuoi usare.

Passaggio 2: inumidire il substrato

Inumidisci la superficie con un pennello bagnato in modo da creare un modello per le transizioni di colore. La superficie dovrebbe brillare.

Avviso: Evitare le pozzanghere non prendendo troppa acqua. Se hai preso troppa acqua, prova ad assorbire l’acqua con un fazzoletto, un asciugamano o uno straccio.

Passaggio 3: lasciare che si presentino le transizioni di colore

Lascia che i colori si mescolino tra loro secondo i tuoi gusti con il pennello. Se il colore non è distribuito uniformemente, puoi usare il pennello per dirigerlo nella direzione desiderata.

A seconda della quantità di acqua utilizzata, i colori inferiori possono essere riattivati ​​quando si applicano strati aggiuntivi. A causa della sua solubilità in acqua, non è improbabile, ma può essere evitato aggiungendo una piccola quantità di acqua.

Avviso: I toni di colore possono cambiare dopo l’asciugatura. Per lo più i toni scuri diventano più chiari mentre i toni chiari diventano più scuri.

Tecnica “Flat-Color”

Il punto qui è creare un gradiente di colore che non sia traslucido. In linea di principio, per questo viene utilizzata poca acqua, motivo per cui i colori non si fondono l’uno nell’altro come nella tecnica bagnato su bagnato. Invece, le transizioni di colore vengono create posizionando diversi colori a guazzo uno accanto all’altro.

Ecco un video che spiega questa tecnica, così come alcune altre tecniche dettagliate che sono descritte molto bene con esempi:

Passaggio 1: scegli la combinazione di colori

Scegli i tuoi colori. Dovrebbero essere colori a guazzo che si abbinano tra loro in termini di colore. Ad esempio, se vuoi dipingere un tramonto, scegli diverse tonalità di giallo, arancione e rosso. Se vuoi dipingere il mare, scegli diverse tonalità di blu, bianco e, a seconda delle tue preferenze, viola.

Passaggio 2: inumidire il supporto e applicare la vernice

Inumidire leggermente il pennello e la superficie. Applica il tuo primo colore nelle aree che ti si addicono. Pensa a quale tempera vuoi mettere dopo.

Passaggio 3: mescola i colori

Una volta presa la tua decisione, mescola il colore attuale e il colore che desideri impostare in seguito per creare un tipo misto. Questo è perfetto per la tua transizione.

Passaggio 4: imposta i colori

Prima imposta il colore di transizione e poi il colore che desideri impostare successivamente. Ripeti il ​​processo finché non hai creato le transizioni in ogni punto a tua scelta. Lascia asciugare la tua foto ora.

Tecnica di sovraverniciatura

Questa è una tecnica mista un po’ più impegnativa delle precedenti. In contrasto con la tecnica “Flat-Color”, qui vengono create transizioni di colore morbide e fluide, ma non sono così fluide come con la tecnica bagnato su bagnato. Qui è richiesto un lavoro veloce.

Questo video illustrativo contiene suggerimenti pratici e illustra il processo di questa tecnica per creare transizioni di colore uniformi. Questi sono colori acrilici, ma il principio è lo stesso:

Passaggio 1: posizionare i colori

Prendi il pennello e posiziona i colori che preferisci dove pensi si adattino. Puoi applicare i colori più spessi.

Passaggio 2: creare transizioni

Bagna il pennello. Quindi unisci i colori l’uno nell’altro con il pennello, in modo che si verifichino transizioni fini. Le pennellate orizzontali sono un metodo comune, ma dipendono dalla tua immagine e dalle tue preferenze. Puoi sempre aggiungere nuovi colori.

Avviso: Questa tecnica richiede un lavoro veloce e preciso, perché quando i colori sono asciutti, non possono più essere mescolati.

Passaggio 3: ripetere il processo

Ripeti il ​​processo finché non ottieni i risultati desiderati. La tua foto è finalmente pronta quando si è asciugata dopo un po’.

collage

Questa tecnica pittorica con l’uso di colori a guazzo è molto popolare per la versatilità e la creatività con cui può essere utilizzata. Fondamentalmente si tratta di combinare tecnica pittorica, colore, ritagli di giornale, immagini e molti materiali.

È più nella direzione dell’artigianato, che è combinato con elementi di pittura artistica. Vale la pena padroneggiare questa tecnica creativa loro stessi!

Vari dettagli dell'immagine e colori a guazzo in un collage

Il collage è una tecnica di pittura creativa che può essere utilizzata per creare effetti impressionanti.

Passo 1: Seleziona i materiali

Oltre ai colori a guazzo, ha senso anche cercare altri materiali per il collage. Prendi riviste, volantini o vecchie foto, per esempio. Non ci sono limiti alla creatività.

Si consiglia di scegliere immagini simili per colore o tematica per rendere più gradevole l’effetto visivo.

Passo 2: Materiali da taglio

Taglia i materiali che hai scelto nelle forme più adatte a te. Anche qui hai ogni tipo di libertà.

Avviso: Il passaggio successivo è suddiviso in a) eb), poiché l’ordine dipende dalle tue preferenze. Fondamentalmente, non importa in quale ordine dipingi o incolli. Puoi anche passare dalla pittura all’incollaggio ripetutamente.

Passaggio 3a: macinare

Si tratta di dipingere secondo i tuoi desideri. Non ci sono praticamente regole qui. Sentiti libero di sperimentare. Ovviamente puoi anche usare le tecniche di mixaggio che abbiamo descritto sopra. Quindi lascia asciugare i colori.

Passaggio 3b: Aderire

Incolla le tue foto e i tuoi ritagli. Anche qui le opzioni sono diverse. In teoria, puoi incollare le tue immagini insieme in modo che rappresentino un grande oggetto complessivo. È anche possibile ordinare per colore o per argomento.

Curiosità: cos’altro dovresti sapere sulla pittura a guazzo

Qui abbiamo raccolto alcune brevi informazioni che vale la pena conoscere e che potrebbero interessarti.

Le vernici a guazzo sono tossiche?

In linea di principio, la tempera classica con il legante gomma arabica non contiene tossine. Tuttavia, si consiglia cautela con le varianti moderne, che sono molto spesso vendute nei negozi online.

Questi possono contenere leganti, che possono essere dannosi per la salute. Prestare sempre attenzione alle sostanze contenute in un acquisto.

Da dove prende il nome la pittura a guazzo?

I colori a guazzo sono stati usati spesso per le decorazioni nel corso della storia, ma anche per l’arte avanzata. Nel XV secolo il colore divenne più noto e si guadagnò una buona reputazione. Il nome deriva dalla parola italiana “guazzo”, che si traduce in “piscina” o “pozzanghera”, nonché dal latino “aquatio”, che significa “andare a prendere l’acqua”.

Conclusione

Come puoi vedere, le vernici a guazzo sono vernici estremamente versatili che possono essere utilizzate in modo simile agli acquerelli e ai colori acrilici nella loro esecuzione. Più pratichi le diverse tecniche, prima saprai quali ti si addicono.

Sii creativo e prova cose nuove con questi colori. Nel tempo, i tuoi risultati miglioreranno sempre di più. Ci auguriamo che la pittura vi piaccia!

Ulteriori collegamenti e fonti di ricerca


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.