Sia che una band stia suonando dal vivo o che una canzone delle classifiche sia alla radio, tutto ciò che ascolti è costituito dalla somma di diverse fonti sonore. Si uniscono per formare un insieme e si traducono nella musica come tutti noi la conosciamo e la amiamo.

Puoi scoprire qui come creare il mix perfetto e creare la migliore esperienza sonora.

l’essenziale in breve

  • C’è una vasta selezione di generi musicali e quindi molte possibilità di mescolare la musica.
  • Qualsiasi mix può essere migliorato e potenziato con gli effetti e i plug-in giusti.
  • La musica può essere mixata e montata sia dal vivo che in post-produzione.
  • Le canzoni a tutti gli effetti possono essere create con le DAW.

Contesto: cos’è esattamente il mixaggio della musica?

Al giorno d’oggi la maggior parte delle canzoni e dei pezzi sono un insieme di diverse sorgenti sonore. Usando l’esempio di un’orchestra, questo è facile da capire, soprattutto attraverso la divisione. Perché a seconda del volume, anche la posizione deve essere.

I cantanti, ad esempio, stanno sempre davanti e al centro, mentre gli strumenti rumorosi e pieni, come gli strumenti a fiato, sono posizionati molto indietro. Quindi più una parte è importante, più viene portata in primo piano e sottolineata da tutti gli altri per creare un quadro complessivo.

Trasferiamo ora che il missaggio significa che per te devi dividere i tuoi elementi sonori in modo così perfetto da sembrare spaziale.

Mixare musica: mixer e DAW

Bene, prima ancora che tu possa iniziare a mixare, dovresti prima sapere come farlo in primo luogo. Eccoci quindi ancora una volta a chiarire i termini più importanti relativi all’argomento.

miscelatore

Potresti averlo già visto alle esibizioni dal vivo o ai DJ. Una scheda dall’aspetto piuttosto complicato con vari pulsanti e controlli. In effetti, non è così complicato.

In breve, un mixer registra un’ampia varietà di colonne sonore, che possono quindi essere assegnate con effetti ed elaborate e quindi emesse come segnale in bundle. Ognuna di queste tracce audio viene elaborata separatamente sui cosiddetti canali.

I suoni possono provenire da strumenti, possono essere voci o provenire da un dispositivo elettrico come un laptop.

Puoi trovare maggiori dettagli sul mixer nel nostro test del mixer.

Le console di mixaggio sono disponibili in vari design, dimensioni e colori. Possono anche differire nel modo in cui funzionano e nel numero di funzioni

DAW

Le cosiddette workstation audio digitali, ovvero software di missaggio digitale, si basano in gran parte sulla classica console di missaggio. Come con i classici mixer audio, qui hai anche la possibilità di mixare colonne sonore, ma anche di creare canzoni a tutti gli effetti.

Il grande vantaggio risiede nell’elevato numero di canali su cui è possibile riprodurre e modificare le tracce audio. In combinazione con i plugin è anche possibile creare quasi tutti i toni desiderati che trovano posto nel tuo progetto. Inoltre, le tracce audio selezionate possono essere disposte a piacimento in una finestra di arrangiamento, dove possono essere ripetute e modificate più volte.

Un enorme vantaggio delle DAW è che possono essere utilizzate su un laptop, o anche su uno smartphone, mobile e quindi ovunque. Le DAW più conosciute sarebbero Abelton Live, FL Studio e Garage Band. La maggior parte dei fornitori di tali software offre anche versioni demo, quindi puoi mixare musica in modo completamente gratuito. Ci sono altre workstation audio digitali qui.

Mixer digitale

Le DAW sono molto simili ai classici mixer audio ma offrono più funzioni e applicazioni.

Tre assi nel suono

Se ora immaginiamo uno spazio tridimensionale in cui è distribuito il suono emesso, possiamo dividerlo in tre diversi assi.

profondità

La profondità o la distanza fa molto del volume e della percezione. Chiaramente, più una persona è lontana da te, ad esempio, peggio la capisci. Il suono emesso si diffonde e perde sempre di più il suo effetto. In una grande stanza o sala, le onde sonore rimbalzano anche sulle pareti e creano un’eco che rende tutto più sfocato e quindi ancora più difficile da capire.

Puoi facilmente regolare il volume su un mixer o DAW utilizzando un controller. In questo modo puoi regolare di conseguenza sorgenti sonore pertinenti e meno rilevanti e creare un’immagine complessiva significativa.

Ad esempio, in una band che suona con microfoni e amplificatori, gli arrangiamenti dal vivo possono essere realizzati utilizzando un mixer e i cantanti possono essere resi più facili da capire, o gli strumenti solisti possono essere messi in primo piano.

Il riverbero può anche essere mixato con un plug-in o con un dispositivo di riverbero. Ciò è particolarmente necessario quando deve essere introdotto un effetto spaziale.

ampio

Anche la larghezza gioca un ruolo importante nella distribuzione spaziale dei suoni. Probabilmente l’avrai notato a volte quando sei in piedi per strada e un’auto si schianta contro di esso da un lato.

All’inizio percepirai principalmente il suono dal lato da cui proviene. Nel momento in cui è proprio di fronte a te, lo senti distribuito equamente in entrambe le orecchie. Quando è passato, è più probabile che i rumori provengano dall’altro orecchio.

Questo cosiddetto effetto pan è controllato dal controller panorama. Ma perché è necessario il paning quando il suono viene comunque emesso in un segnale in bundle? Questa è sicuramente una domanda giusta.

Immaginiamo un’orchestra in cui tutti i giocatori abbiano un posto fisso. Diventa subito evidente che non sono tutti in fila, ma sono sparsi per tutta la larghezza della stanza. Se i violini sono a sinistra e gli strumenti a fiato a destra, si percepiscono le note suonate dalla rispettiva direzione e si può determinare chiaramente una divisione spaziale.

Il paning viene spesso utilizzato anche nelle canzoni moderne per apportare varietà, specialmente nella melodia, nella voce o nella batteria.

altezza

Oltre alla profondità e alla larghezza, l’altezza, o come viene chiamata in gergo tecnico, le frequenze è ora ancora in sospeso. Queste frequenze determinano se una nota suona alta o bassa. Ciò può essere spiegato semplicemente confrontando basso e violino.

I toni di un basso hanno una vibrazione molto bassa e sono, per così dire, più lenti, il che suona profondo per noi. Nel caso dei bassi, a volte si può notare una vibrazione. Un violino o un violino, invece, genera onde sonore con vibrazioni molto elevate, che suonano piuttosto acute.

Le basi più importanti per le canzoni

Ovviamente puoi mescolare la musica non solo con il volume e il panorama. Con gli strumenti giusti, il risultato può essere ulteriormente migliorato. Ciò richiede plugin che possono essere utilizzati per vari effetti.

Equalizzatore

Un equalizzatore viene utilizzato per elaborare le frequenze delle colonne sonore. Strumenti, sintetizzatori e voci sono spesso in conflitto e occupano spazio. Il risultato sembra sbiadito.

Ad ogni strumento e ad ogni voce deve essere assegnata una parte nello spettro delle frequenze. Nel caso delle chitarre, la parte dei bassi viene filtrata per non occupare spazio con il basso, e nel caso del pianoforte, le parti degli alti vengono eliminate per non perdere i cori.

compressore

Molto semplicemente, un compressore porta equilibrio al mix. Se c’è una grande differenza di altezza in alcuni passaggi, questo può essere elaborato con esso. Ad esempio, se una voce che canta viene sovraccaricata in determinati punti, può essere resa più calma. Anche con gli strumenti, il tono può essere reso più chiaro e un suono nitido può essere enfatizzato nel complesso.

sala

Il riverbero risulta a seconda dell’ambiente spaziale. Possiamo distinguere chiaramente quanto sono grandi e larghe le stanze, o se si possono sentire i suoni in montagna o nella foresta. Con i giusti plug-in o dispositivi per effetti, puoi creare un’immagine spaziale specifica per ogni traccia. Ciò include luoghi come uno studio di registrazione, una grande sala o persino una cattedrale.

Ritardo

Con un effetto di questo tipo si crea un’eco classica paragonabile a quella di una catena montuosa. Ma perché hai bisogno di un tale effetto quando stai già usando il riverbero? È molto facile, perché uno svantaggio del riverbero è che può rendere sbiadito un sacco di cose e non sempre lo vuoi. Il ritardo riproduce una nota più e più volte in una sequenza cronologica e sempre più tranquillo. Puoi quindi combinare questo con i toni successivi e portare più varietà.

Equalizzatore in una DAW

Con gli equalizzatori puoi filtrare i toni fastidiosi o filtrare i bassi dalle colonne sonore che tolgono il volume dei bassi reali.

Il miglior risultato: quello che fa per te

Una volta che conosci le basi, devi decidere da solo quale stile di mixaggio e fare musica ti si addice meglio. A seconda del genere musicale, esistono diversi metodi per mixare una canzone, diversi strumenti che si adattano esclusivamente a un genere e un’ampia varietà di plug-in di effetti. Se hai uno stile musicale che ti piace particolarmente, allora orientati da esso.

Qual è lo strumento giusto per te?

Gli strumenti sono ovviamente molto importanti, dopotutto non si può fare musica senza di loro. Sia classici che digitali, come i sintetizzatori, offrono numerose possibilità di integrazione. Se hai mai suonato uno strumento, o lo suoni ancora, questa sarà una buona base. Certo, vale sempre la pena provare qualcosa di nuovo.

Soprattutto quando si utilizzano le DAW, i plug-in di tutti i tipi svolgono un ruolo importante, siano essi effetti o addirittura strumenti. La maggior parte delle volte possono essere riprodotti tramite la rispettiva DAW o la tastiera. Naturalmente, questa non è sempre la soluzione migliore.

Quadro con vari strumenti che vengono appesi o posizionati su una parete.

Il numero di strumenti là fuori sembra essere quasi illimitato. Gli strumenti più vari si trovano nei più svariati stili musicali.

Per semplificare l’utilizzo, esistono i cosiddetti controller MIDI. Simile a un mixer, ci sono vari controlli, ma il vantaggio decisivo sono i pad, per lo più quadrati in gomma, e una tastiera adattata alle dimensioni e in grado di riprodurre suoni dallo strumento selezionato plug-in nella DAW.

I singoli tasti sono spesso assegnabili liberamente, quindi un drum kit può essere suonato usando i pad e una chitarra può essere suonata usando i tasti della tastiera. Ciò significa che non devi nemmeno conoscere la maggior parte degli strumenti, ma puoi comunque usarli.

C’è anche una vasta gamma di controller/tastiere MIDI tra cui scegliere. La selezione potrebbe essere più semplice per te con il nostro test della tastiera MIDI.

Trova il tuo genere

Esistono numerosi generi musicali su cui è possibile prendere una decisione. Se ti piace uno particolarmente bene e ascolti canzoni di questa categoria su e giù, puoi osare iniziare con esso. Ci sono abbastanza tutorial per ogni genere per iniziare.

Potresti non avere familiarità con tutte le direzioni, qui abbiamo creato un piccolo elenco di quelle più popolari per te: Rock, Pop, Schlager, Electro, House, Hip-Hop e Classica. Questo non è di gran lunga tutto ecco una lista più grande.

Migliora l’esperienza di mixaggio: più qualità e divertimento

Per rendere il mixaggio più facile e divertente, puoi migliorare il tuo setup o studio con le giuste aggiunte.

Consiglio: Hai una grande passione per il mixaggio di musica? Allora dai un’occhiata posti vacanti per l’audio sound design a. Come diceva Confucio: “Scegli un lavoro che ami e non dovrai lavorare nemmeno un giorno della tua vita. ”

Le periferiche giuste

Oltre a una workstation audio digitale, la tua configurazione può essere ampliata e migliorata con un gran numero di dispositivi. Oltre a controller e strumenti MIDI, altoparlanti, cuffie, microfoni o anche semplici treppiedi completano il tuo ambiente e aumentano le prestazioni e il flusso di lavoro, nonché il risultato finale. Anche il computer o il laptop giusto fa la differenza, soprattutto quando si tratta di programmi e distribuzione ad alte prestazioni.

Microfono in una configurazione con una DAW in background

Con un microfono puoi facilmente registrare la tua voce per ogni canzone e modificarla successivamente nella DAW.

Plugin

I plugin sono essenziali anche quando si tratta di editing audio. Sia i plug-in dello strumento che quelli degli effetti offrono alcune funzioni importanti. Equalizzatore, compressore, riverbero, delay o chitarra, pianoforte e flauto sono solo una piccolissima parte delle opzioni di selezione. Un noto programma per l’editing vocale è Autotune, con il quale la voce può essere post-elaborata e portata nelle tonalità corrette. Questo è particolarmente popolare nell’area del rap.

Se vuoi approfondire la questione.

Mescolare correttamente dal vivo o post-produttivo

Un’altra domanda fondamentale è se tu, come ingegnere del suono, vuoi modificare la musica dal vivo o in produzione.

Dal vivo significherebbe esibirsi come DJ o lavorare dal vivo con una band o un’orchestra. L’esperienza e l’udito giocano un ruolo particolarmente importante. Come DJ, la folla deve essere tenuta nell’atmosfera, cioè non solo una canzone può essere suonata, una nuova canzone deve essere quasi creata dal vivo. Con un mixer per DJ puoi aggiungere effetti fantastici e reinterpretare le canzoni.

Anche nel caso di bande o di un’orchestra, bisogna fare attenzione affinché ognuno abbia la sua parte, cioè chi dovrebbe essere ascoltato di più in certi passaggi o chi serve di più a sostenere il quadro generale.

Se vuoi produrre da solo canzoni e colonne sonore, nulla può ostacolare la tua creatività. Non devi essere particolarmente esperto e impari costantemente qualcosa di nuovo. Ci sono molte guide online e ogni genere può essere mescolato con un approccio diverso.

Nel caso dell’authoring dal vivo, ci sono ovviamente molte prove e test su quali impostazioni del mixer offrono la migliore esperienza di ascolto.

Vale la pena sapere: cos’altro dovresti sapere sul mixaggio di musica

Qui abbiamo riassunto per te le risposte a domande interessanti sul mixaggio di musica.

Perché devi mixare la musica?

Soprattutto quando più strumenti o sorgenti sonore stanno suonando contemporaneamente, tutti i toni si sovrappongono. Affinché non suoni sbiadito quando lo ascolti, tutti i suoni devono ovviamente essere classificati e regolati nello spettro di frequenza. Inoltre, gli effetti danno al mix ancora più pepe e rendono ogni traccia unica.

Posso mixare musica anche mentre sono in movimento?

Se sei in viaggio da molto tempo o devi aspettare, le DAW sono ovviamente molto buone. Puoi modificare le tue canzoni e tracce sul tuo laptop o telefono cellulare. Poiché nella maggior parte dei casi non è necessaria una connessione Internet per questo, puoi mixare da quasi ovunque. L’unico piccolo svantaggio è, ovviamente, che non puoi portare nessuna periferica con te.

Posso ancora mixare l’audio modificato?

Nella maggior parte dei casi, l’audio che è già stato modificato è già ottimizzato, ovvero regolato in termini di volume ed effetti. In una canzone o traccia a tutti gli effetti, colonne sonore diverse si sovrappongono sempre, che non puoi più ottenere separatamente. Non ha senso rielaborare i prodotti finiti.

Tuttavia, esiste la possibilità di creare un remix che reinterpreti e rappresenti la canzone o la colonna sonora vera e propria. In questo modo, da un pezzo classico lento può emergere una vivace canzone elettronica. Questo è un metodo popolare per modificare la musica, specialmente tra i DJ.

Conclusione

Provare e iniziare è il modo migliore per iniziare a mixare musica. Esistono numerosi generi in cui puoi orientarti e sviluppare la tua specialità. Ci sono un numero enorme di tutorial e istruzioni utili su YouTube o in generale su Internet che ti aiuteranno a mixare correttamente le canzoni dal vivo o in post-produzione.

Introduzione al missaggio e alla produzione di musica

Per ottenere la migliore introduzione possibile al missaggio, ecco una breve introduzione alle più importanti nozioni di base sull’hardware.

Ulteriori collegamenti e fonti di ricerca

  1. ecco una lista più grande
  2. I cinque livelli di miscelazione
  3. Gli errori più comuni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.