Se hai mai lavorato come DJ, produttore musicale, streaming, podcasting o persino gaming, avrai notato che una cosa è quasi indispensabile. Il miscelatore. Un pacchetto tecnologico versatile, che offre un grande valore aggiunto grazie alla sua varietà.

Puoi scoprire quale mixer è il migliore per quale area, quale si adatta meglio a te e cosa cercare quando acquisti nella nostra guida all’acquisto. Ci dedichiamo anche agli attuali test dei mixer.

l’essenziale in breve

  • I mixer audio raccolgono vari segnali e li elaborano in uno.
  • Puoi ottenerli in un’ampia varietà di colori, dimensioni e talvolta forme e usarli in alcune aree, anche accanto alla musica.
  • Per poter scegliere il mixer ottimale, dovresti informarti con precisione. C’è qualcosa per tutti, dai principianti ai professionisti.

I migliori mixer: i preferiti dagli editori

Qui puoi trovare i nostri consigli per te!

Il miglior mixer per giocatori, streamer e podcast: TC Helicon GoXLR

Cosa ci piace:

  • Design semplice e robusto per un’usabilità ottimale
  • Fader motorizzati per controllare chat, musica, microfono e gioco
  • Il software offre anche la possibilità di mixaggio digitale
  • Libera scelta del colore per le spie luminose sul mixer
  • Connettiti direttamente al PC/laptop tramite USB 2.0

Cosa non ci piace:

  • Nessun interruttore on/off disponibile
  • I canali non possono essere assegnati due volte

Il GoXLR è un mixer salvaspazio, molto adatto a streamer, podcaster e giocatori grazie alla sua struttura semplice. Ha una dimensione di 16,51 x 27,94 x 6,99 cm, pesa 1,81 chilogrammi e ha una potenza di uscita di 10 watt.

Grazie ai fader motorizzati, è possibile preimpostare il suono ottimale per ogni situazione. L’app GoXLR facilita ed espande anche l’uso.

Particolarità del mixer sono il campionatore, con il quale puoi registrare tracce audio e riprodurle come preferisci. Con Voice FX è anche possibile aggiungere alla voce effetti come Reveerb, Echo, Megaphone e pochi altri in tempo reale.

Il GoXLR è disponibile anche in versione mini. Risparmi metà dello spazio, ma non sei limitato nel funzionamento. È solo 16,76 x 13,97 x 6,6 cm e pesa 907 grammi.

Dimensioni: 16,51 x 27,94 x 6,99 cm | il peso: 1,81 kg | prezzo: 389 €

Il miglior mixer per ogni DJ: Pioneer DJ DDJ-200

Cosa ci piace:

  • Controllo semplice tramite smartphone o laptop
  • Design adatto ai principianti e funzioni personalizzate
  • Compatibile con i servizi di streaming
  • 2 canali e un’uscita jack 3.5
  • 2 scratch pad per il sound design

Cosa non ci piace:

  • Non abbiamo notato nulla di negativo

Lo Smart DJ Controller di Pioneer è un classico pacchetto compatto per ogni DJ. Ha un design semplice e diretto ed è adatto per i principianti. È super leggero con 1,16 chilogrammi e si adatta a quasi tutti gli zaini con 38 x 21 x 5 cm.

Il mixer è adatto per importare le tue canzoni, ma anche per quasi tutti gli altri. Collegati semplicemente al tuo telefono cellulare o laptop e attiva il servizio di streaming che preferisci.

Con i due scratch pad attirerai sicuramente l’attenzione ad ogni festa. Puoi creare effetti fantastici e quasi reinterpretare le canzoni.

Dimensioni: 38 x 21 x 5 cm | il peso: 1,61 kg | prezzo: 159 €

Il mixer con il miglior rapporto qualità-prezzo: Numark Party Mix

Cosa ci piace:

  • Costruzione semplice e robusta
  • Controllo semplice grazie alla netta separazione dei colori delle funzioni
  • 2 scratch pad per effetti sonori aggiuntivi
  • Design leggero e piccolo per un facile trasporto
  • Interfaccia audio a 16 bit / 44,1 kHz

Per il miglior rapporto qualità-prezzo, consigliamo il Numark Party Mix Controller. È un mixer super compatto e leggero, con una dimensione di 19,68 x 32,51 x 5,08 cm e un peso di 800 grammi.

Tutti i controlli importanti sono a bordo e di facile comprensione per ogni principiante. Inoltre, è molto facile collegarsi al PC/laptop tramite USB.

Oltre ai due canali, è presente anche un’uscita cuffie da 3,5 mm e cinch o uscita audio RCA per poter collegare sistemi aggiuntivi.

Per una performance indimenticabile, ci sono anche due jog wheel e performance pad ulteriormente illuminati con i quali puoi anche portare uno spettacolo di luci epico ad ogni concerto.

Dimensioni: 19,69 x 32,51 x 5,08 cm | il peso: 800 grammi | prezzo: 100,30 €

Il miglior mixer economico: Behringer XENYX 302USB

Cosa ci piace:

  • Struttura molto semplice
  • Utilizzabile direttamente tramite connessione USB senza alimentatore
  • Software DAW aggiuntivo disponibile “Trazione 4
  • Salvaspazio, tutte le connessioni sono direttamente visibili
  • Connessioni jack da 3,5 mm integrate per microfono e cuffia

Cosa non ci piace:

  • nessun interruttore on/off disponibile
  • Il secondo canale di ingresso non può essere controllato

Se non conosci bene la strada e non vuoi avere fretta, il mixer analogico XENYX 302USB di Behringer è la scelta giusta.

È super semplice e compatto e offre tutte le connessioni e i controlli necessari. Oltre alle due prese jack da 3,5 mm, sono presenti anche una XLR e tre connessioni Cinch.

Con solo 13,59 x 11,4 x 4,6 cm di dimensioni e circa 380 grammi, è appena percettibile nella tua configurazione.

Il software incluso nella fornitura aiuta anche nell’uso e sostituisce il display “mancante”.

Una nota importante che deve essere osservata è quella di impostare correttamente il suono tramite controlli o, meglio, software in modo da evitare ogni possibile rumore.

Dimensioni: 13,59 x 11,4 x 4,6 cm | il peso: 380 grammi | prezzo: 44,99 €

Il miglior mixer poco appariscente: mixer Numark M4

Cosa ci piace:

  • Miscelatore dal design poco appariscente
  • 3 canali con più controlli
  • Installazione in rack possibile
  • Nessun fastidioso gioco di colori
  • Piccolo, salvaspazio e poco appariscente grazie al colore nero

Cosa non ci piace:

  • Non abbiamo notato nulla di negativo

Se preferisci concentrarti sui tuoi progetti, il Numark M4 è ciò di cui hai bisogno. Ma è anche adatto a qualsiasi evento. Ma se preferisci mixare stazionari, puoi anche installare l’M4 in un rack.

I tre canali sono ricchi di tutte le funzioni importanti. In questo modo puoi regolare e ottimizzare i bassi, la frequenza e i toni medi dal vivo su ogni colonna sonora.

C’è una connessione per cuffie e microfono e due possibili prese per cinch su ogni canale.

Un piccolo ma pratico bonus sono i fader intercambiabili e una funzione di inversione per le tracce audio.

Dimensioni: 24,38 x 30,48 x 10,16 cm | il peso: 2,27 kg | prezzo: 129,99 €

Il miglior mixer per utenti avanzati: Yamaha MG16

Cosa ci piace:

  • Grande mixer con molte funzioni e controlli
  • Disposizione ben divisa e differenziata
  • Display per la selezione diretta degli effetti
  • 16 canali diversi per maggiori possibilità
  • Funzione voce fuori campo aggiuntiva

Cosa non ci piace:

  • Non abbiamo notato nulla di negativo

Per i più esperti, l’MG16 x U di Yamaha è adatto. I controlli e le funzioni efficienti sui 16 canali portano il mixaggio a un livello completamente nuovo.

Oltre alle numerose funzioni disponibili per ogni canale, una funzione è particolarmente interessante. C’è la possibilità di utilizzare la voce fuori campo integrata, ovvero parlare dal vivo senza, ad esempio, mettere in pausa la musica, ma rimanendo comunque di facile comprensione.

Ogni canale è chiaramente separato l’uno dall’altro e i controlli sono codificati a colori per distinguere meglio le singole sezioni.

Chi si procura questo pacchetto super tecnologico deve avere anche lo spazio per farlo, perché con una lunghezza e una larghezza di poco più di mezzo metro e un peso di 9,5 chilogrammi, non è il più piccolo. Tuttavia, è molto compatto e può essere facilmente integrato in una configurazione.

Dimensioni: 52,3 x 21,3 x 55,9 cm | il peso: 9,5 kg | prezzo: 445 €

Il miglior mixer per professionisti: Allen-heath qu-24 Chrome Digital Mixer

  • Design chic e poco appariscente
  • Display digitale integrato per sound design
  • Funzioni importanti separatamente, come preamplificatore, EQ, panning ecc.
  • Connessione tramite porta USB possibile
  • Supporto per tablet aggiuntivo per ulteriori funzioni tramite DAW

Hai già molta dimestichezza con l’editing e il missaggio di colonne sonore e musica e stai ancora cercando un mixer che corrisponda al tuo livello? Allen & Heath fornisce la soluzione.

Il mixer digitale compatto e dal design accattivante qu-24 ha tutto ciò di cui hai bisogno da offrire. I 24 canali con i corrispondenti ingressi mono; XLR o jack, offrono molte possibilità e variazioni e non limitano la tua creatività.

Oltre al display che mostra le impostazioni correnti e le importanti funzioni degli effetti separate come preamplificatore, EQ, paning, ecc., puoi anche utilizzare un tablet con una workstation audio digitale. A tale scopo viene fornita una staffa.

Nonostante le numerose funzioni, il mixer misura solo 63,1 x 47,1 x 17,1 cm e pesa 14 chilogrammi.

Guida all’acquisto del mixer

In modo che tu sappia cosa fare prima di acquistare, ti spiegheremo ovviamente anche cos’è un mixer audio, cosa può fare e dove puoi usarlo.

Che cos’è un miscelatore?

Fondamentalmente, un mixer è un pacchetto tecnologico che puoi utilizzare per creare la migliore esperienza sonora possibile. Può avere molti connettori, controlli e altri pulsanti funzionali diversi. Inoltre, può essere disponibile in un’ampia varietà di tipi, dimensioni, colori e in una certa misura forme e può essere utilizzato in numerosi campi diversi.

Come funziona un mixer?

Un mixer riceve diversi segnali elettrici. Questi possono provenire da uno strumento o da un dispositivo elettrico come un computer / laptop o un plug-in. Maggiori dettagli sui plugin sono disponibili di seguito.

Se i segnali o le tracce sonore vengono ricevuti, possono essere modulati o amplificati in vari modi. Possono essere resi più forti e più silenziosi o completamente modificati dagli effetti.

La traccia modificata può quindi essere unita ad altre ed emessa, il che avviene quindi tramite cuffie o monitor.

Quali tipi di mixer esistono?

Fondamentalmente, le console di missaggio differiscono tra analogiche e digitali.

Mixer analogico

I mixer analogici sono generalmente progettati per una facile gestione e una costruzione robusta e possono essere utilizzati per l’input dal vivo con strumenti o microfoni. Ovviamente può essere utilizzato anche come DJ.

Mixer digitale

I mixer digitali si distinguono in quanto offrono un’interfaccia e possono essere programmati o assegnati più volte.

Console di missaggio di Behringer con display e le funzioni più importanti

I mixer audio sono disponibili in un’ampia varietà di design. Naturalmente, non sono necessarie tutte le funzioni per mixare con un mixer.

Ciò significa che un controller può essere utilizzato per più tracce ed effetti. L’interfaccia è un piccolo schermo sul quale, ad esempio, vengono visualizzate le impostazioni correnti.

Nota: I mixer possono anche essere suddivisi in ulteriori sottocategorie: mixer piccoli, mixer DJ, mixer amplificati, mixer live e mixer di registrazione. C’è di più qui.

Quali sono i criteri di acquisto più importanti per un mixer?

Di seguito troverai i criteri più importanti a cui dovresti prestare attenzione quando acquisti per trovare il mixer ottimale per te.

Conteggio canali

A seconda di dove si desidera utilizzare il mixer, è necessario prendere in considerazione il numero di canali. Se ti esibisci come DJ, avrai bisogno di meno, ad esempio solo un microfono. Molti sono più necessari quando si tratta di prove di gruppo in cui vengono utilizzati diversi strumenti e microfoni.

Un mixer analogico è ideale per più canali utilizzati contemporaneamente. Questo ha una propria sezione per ogni canale, cioè una traccia separata per l’elaborazione delle tracce audio.

VU-Meter (minimo/massimo)

Con i dispositivi più recenti, per lo più i mixer digitali hanno un vu meter, cioè uno strumento di misura che mostra la modulazione delle varie o intere tracce audio in dB. I display possono variare e variare, ad esempio, da -30 dB a + 3dB.

Questo display è necessario, soprattutto durante la produzione ma anche durante l’importazione dal vivo, per poter generare e adattare l’esperienza sonora ottimale.

dissolvenza

Per avere il volume giusto per determinati momenti di una canzone o per riprodurre correttamente gli effetti, hai bisogno di fader. Con l’aiuto di questo è possibile regolare il volume di determinate tracce audio, ad es. per renderle più forti e più silenziose.

Analogamente, questi sono sotto forma di cursori (per lo più sotto) e manopole rotanti (per lo più al centro) sul mixer. Ovviamente il digitale non è diverso, c’è solo la possibilità di utilizzare i fader per più di una colonna sonora.

Parlare sopra

Se si desidera parlare o dire qualcosa durante determinati passaggi di una canzone o durante un’esibizione dal vivo, si consiglia una funzione talkover. Riduce le componenti della melodia per enfatizzare la voce e renderla più facile da riconoscere. Tuttavia, questa funzione è meno comune nei mixer economici.

Livelli di preamplificazione

Per ottenere un volume ottimale utilizzando un microfono, assicurati di acquistare un mixer con un preamplificatore integrato (amplificatore per microfono). Perché i microfoni hanno generalmente una tensione di uscita inferiore.

Connessioni stereo

Queste connessioni sono adatte alle prese jack per trasmettere piccoli segnali elettrici. Puoi usarlo per collegare cuffie / monitor o una chitarra, ad esempio, utilizzando una presa per cavo.

Connessioni sul retro di un mixer

La maggior parte delle volte, le connessioni di un mixer si trovano sul retro. Il numero di connessioni diverse dipende dal modello e dalle dimensioni.

Porta USB

I mixer con porta USB ti interesseranno se vuoi esibirti come DJ o se sei impegnato nella produzione. Puoi usarlo per collegare il tuo laptop o PC e usarlo per mixare musica.

Schermo

Un display fisso è disponibile solo sulle console di missaggio digitale. Può essere utilizzato per la pre-programmazione o sostanzialmente per mostrare quali volumi ed effetti sono impostati. Sono inoltre disponibili display con funzioni touch che rendono ancora più semplici tutte le impostazioni.

Montaggio su rack

A seconda di dove hai bisogno di un mixer, sono adatti anche quelli che possono essere incorporati. Scatole speciali sono particolarmente adatte per le esibizioni dal vivo. La maggior parte delle volte hanno ancora le ruote e ne facilitano il trasporto, il che è particolarmente pratico con i miscelatori più grandi. Se sei più fermo e vuoi allestire il tuo studio, ci sono tavoli speciali che offrono già dispositivi di installazione.

misure e peso

Le dimensioni e il peso dipendono sostanzialmente dalla lavorazione e dalla funzionalità. Se vuoi più canali, di solito devi procurarti un mixer più grande. Se vuoi mantenerlo piccolo, dovresti ottenere un dispositivo digitale a causa delle molteplici assegnazioni del canale.

Effetti

Ovviamente puoi fare di più che regolare il volume con un mixer. Gli effetti possono essere utilizzati per ottenere di più da qualsiasi suono. Per i mixer audio analogici ci sono alcuni moduli che possono essere collegati o inoltre commutati tra uno strumento. Ad esempio un pedale.

Tuttavia, in ambito digitale e soprattutto in combinazione con le cosiddette DAW (Workstation audio digitale) Di più. In primo luogo, è necessario molto meno spazio e, in secondo luogo, di solito è più economico acquistare solo il software.

Questi software sono plugin. Possono avere uno o più effetti. Questi includono riverbero, eco, EQ (regolazione per alti e bassi), auto-tune (“adattatori vocali”), de-tune (strumenti o toni suonano storti / non correttamente sintonizzati) e migliaia di altri.

Mixer da studio in versioni grandi, con un'ampia varietà di display e funzioni

Per gli studi più grandi ci sarà anche completo Necessari miscelatori. Un grande mixer consente un’ampia varietà di funzioni e offre un’esperienza audio ottimale.

Quali marche producono console di missaggio di qualità?

Poiché ci sono molti produttori di console di missaggio che vendono mixer, qui troverai una selezione di marchi che offrono prodotti di alta qualità.

Soundcraft

Uno dei marchi più conosciuti e apprezzati. Il produttore britannico ha fatto affidamento su un design robusto e soddisfacente da quando la prima serie è stata presentata per la prima volta nel 1975.

Yamaha

Oltre a strumenti e veicoli, questa azienda giapponese produce anche console di missaggio di alta qualità, che si sono già dimostrate valide per molti clienti.

Pioniere

Un marchio più noto tra i DJ produce principalmente mixer con scratch pad. Offrono un’atmosfera retrò e suscitano scalpore durante il concerto.

Allen & Heath

Soprattutto, Allen & Heath si basa su un design robusto e facilmente gestibile. Originariamente hanno realizzato design speciali per la band Pink Floyd.

Numark

Simile a Pioneer, anche Numark produce mixer audio con scratchpad, ma anche semplici. Producono anche cuffie e microfoni.

Nota: Ovviamente c’è molto di più Produttore per mixer audio. Dai un’occhiata anche agli altri, potrebbero piacerti di più altri design.

Dove posso acquistare un mixer?

Puoi acquistare un mixer nella maggior parte dei negozi di musica. Tuttavia, se hai un’esigenza più precisa o specifica, sono consigliati gli acquisti dai siti Web dei produttori o dai negozi di musica online. Amazon offre la più ampia selezione generale.

Quanto costano i mixer?

A causa delle numerose varianti, dimensioni e aree di applicazione, anche i prezzi differiscono di conseguenza. Partono da circa 30 euro e possono arrivare fino a 1.000.000 di euro.

Naturalmente, questo è troppo, soprattutto per i principianti e i singoli produttori. Si consigliano buone console di missaggio in una fascia di prezzo da 100 a 500 euro per cominciare. Ovviamente si può anche partire da circa 30 euro.

Accessori importanti per il mixer

Certo, non puoi fare un frullatore senza un altro Periferia utilizzo. Ecco alcuni suggerimenti che ti aiuteranno con l’utilizzo ottimale e la configurazione in studio.

microfono

È importante notare che con i microfoni è necessaria una connessione XLR. Questo può essere usato per un mixer. Le connessioni USB elaborano direttamente il segnale e lo rendono praticamente inutilizzabile per ulteriori elaborazioni.

Multicore

Se ti piace mantenere le cose in ordine, puoi anche ottenere un cavo multicore per l’utilizzo di diversi dispositivi per il mixer. Confeziona diversi cavi in ​​un unico pacchetto compatto e consente di risparmiare molto spazio.

STAND

Oltre a un luogo ordinato per fare musica, i treppiedi sono ideali anche per altezze ed ergonomia ottimali. Sono facili da configurare e aggiungere all’esperienza di miscelazione.

monitor

Naturalmente, hai ancora bisogno dei monitor giusti per la configurazione perfetta. Quindi niente schermi, ma altoparlanti. Soprattutto quando si mixano le canzoni, le giuste sorgenti sonore (cuffie di ogni tipo e monitor) sono molto importanti per offrire un’esperienza di ascolto e mixaggio ottimale.

Studio con mixer e gli accessori più importanti

Certo, non puoi semplicemente usare un mixer. Ottieni gli accessori più importanti e poi inizia.

Panoramica test mixer: quali mixer sono i migliori?

Anche una panoramica dei test di varie riviste di consumatori ti aiuterà nella selezione. Puoi trovare i risultati più importanti nella tabella seguente

Testmagazin Test del mixer disponibile? Anno di pubblicazione Accesso libero Scopri di più
Stiftung Warentest no
Eco test no
Konsument.at no
Ktipp.ch no

Sfortunatamente, al momento non ci sono test per le console di mixaggio. Ma stiamo aggiornando la pagina in avanti. Non appena saranno disponibili nuovi risultati, li troverai qui.

FAQ – Domande frequenti sul mixer

Dal momento che probabilmente hai ancora alcune domande senza risposta, abbiamo risposto a quelle più frequenti qui di nuovo.

Quale mixer è adatto ai principianti?

Se non hai ancora esperienza, dovresti acquistare un mixer semplice e piccolo. È per lo più autoesplicativo e offre le funzioni di base per esercitarsi.

Cosa significa FX su un mixer?

I cosiddetti controlli FX vengono utilizzati per controllare correttamente gli effetti. Occorre quindi impostare il dB corretto per le uscite e gli ingressi. Il manuale associato spesso indica come deve essere impostato.

Come si collega un mixer?

Sia le cuffie che i monitor possono essere utilizzati per l’uscita diretta dei segnali audio. Ci sono poi corrispondenti connessioni jack o cinch.

Per l’elaborazione diretta in una DAW, ad esempio, è possibile utilizzare un cavo USB e quindi collegarlo direttamente al PC o al laptop. Per microfoni, strumenti o plug-in, a seconda del modello selezionato, sono disponibili prese XLR, jack e cinch adatte.

Di quanti canali ho bisogno per il mio mixer?

Il numero di canali necessari dipende dall’area di applicazione. Se sei interessato a un mixer digitale, di solito ne hai bisogno di meno. Super quello Se è necessario un mixer analogico, molti canali sono spesso indispensabili.

Insomma, bisogna fare attenzione se ne avete bisogno per un’intera band e i suoi strumenti o solo per un singolo microfono.

Quando è stato inventato il mixer?

Il termine mixer è stato inventato nel 1961 e proveniva dagli studi radiofonici. Erano le colonne sonore che venivano trasferite a un amplificatore in qualità di trasmissione.

Lo sapevate: che le console di missaggio erano piuttosto evitate negli anni ottanta a causa della scarsa qualità del suono. Fortunatamente, questo problema non esiste più in questi giorni.

Cosa sono i mixer teatrali?

Un mixer teatrale non deve essere confuso con un mixer audio. È una forma di movimento e teatro danza.

Cosa devo fare se il mio mixer è troppo silenzioso?

Ci possono essere alcuni motivi per cui un mixer è troppo silenzioso.

Per prima cosa dovresti controllare se il regolatore è già al massimo. Questo a volte viene trascurato, specialmente con le manopole rotanti.
Forse il mixer è fermo da un po’. La polvere nelle connessioni può essere fastidiosa durante la trasmissione dei segnali.È stata interrotta una connessione corrispondente? Controlla se potrebbe essere dovuto a questo e, se possibile, controlla se c’è lo stesso problema su altri canali.

Infine, può ovviamente essere che il mixer sia bloccato dal produttore da un certo volume. Ciò dipende quindi dall’hardware e viene utilizzato in parte per prevenire il rumore e altri rumori di fondo.

Nota: Quando acquisti il ​​tuo mixer, leggi attentamente tutte le descrizioni e vedi se riesci a trovare recensioni e valutazioni. Il più delle volte i possibili problemi sono già descritti, spesso ci sono anche soluzioni adeguate.

In quali aree posso utilizzare un mixer?

I mixer possono ora essere utilizzati in un’ampia varietà di aree. Sono ancora utilizzati principalmente per l’ingegneria audio. Sono molto convenienti da usare quando si suona dal vivo o quando si produce in studio. Ha anche senso usarne uno come DJ.

Un mixer è anche molto utile per i podcast. Soprattutto durante le trasmissioni in diretta. Quando si tratta di utilizzare il live, molti live streamer utilizzano anche un mixer audio. E anche se ti piace semplicemente passare il tempo con gli amici tramite Discord o Teamspeak, è particolarmente adatto per i giocatori tra di voi.

Ulteriori fonti

Che cos’è esattamente un mixer?

Tutto a che fare con mixare e fare musica

Le basi per il tuo studio

Tutorial zu Registrazione, Mixaggio, Scrittura di canzoni, Programmazione ritmica, ecc.

Voglia di musica royalty free?

* Ci colleghiamo a negozi online e partner selezionati, di cui potremmo includerne uno Ricevere una retribuzione. Come partner Amazon, guadagno da vendite qualificate


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.