Le calze da trekking sono un must per le escursioni più lunghe o per le escursioni sportive nella natura. Sono progettati per aumentare il divertimento della corsa e per ridurre al minimo gli infortuni frequenti durante le lunghe percorrenze. Tuttavia, non tutte le calze da trekking sono della stessa qualità e alcune di esse differiscono notevolmente in termini di qualità. In questo post abbiamo raccolto i criteri di acquisto più importanti e ci dedichiamo anche agli attuali test delle calze da trekking. Ti presenteremo i nostri preferiti e ti consiglieremo nella nostra guida all’acquisto.

Indice

l’essenziale in breve

  • I calzini da trekking dovrebbero calzare bene ed essere della taglia giusta. Soprattutto le calze non devono essere troppo grandi, ma piuttosto vicine al piede.
  • Il materiale è il criterio decisivo per la qualità. Nella maggior parte dei casi è da preferire un’alta percentuale di lana.
  • Puoi anche usare le tue calze da trekking dopo il tuo tour: hanno una serie di proprietà utili!
  • C’è una vasta gamma di prezzi per i calzini da trekking. C’è qualcosa per ogni budget.

I migliori calzini da trekking: i preferiti dagli editori

Di seguito vi presentiamo una selezione delle migliori calze da trekking sul mercato.

Calze da trekking traspiranti: calze da trekking Occulto Merino

Cosa ci piace:

  • Tessuto in lana sintetica con una percentuale relativamente alta di lana
  • Zone di ventilazione integrate per la circolazione dell’aria
  • zona suola rinforzata
  • Quasi nessuno scivolamento nella scarpa grazie alla buona vestibilità
Cosa non ci piace:

Non siamo riusciti a trovare un punto negativo.

Queste calze da trekking sono un’opzione più economica, ma non perdono funzionalità. L’elevata percentuale di lana garantisce un clima ben regolato nella scarpa e previene i forti odori che possono derivare, ad esempio, dalla sudorazione. L’imbottitura e la calzata assicurano una perfetta vestibilità, che garantisce ammortizzazione e comfort, soprattutto sulla pianta dei piedi. A ciò contribuiscono soprattutto anche le zone di ventilazione, che creano una buona circolazione dell’aria nella scarpa attraverso una specifica perforazione. Tuttavia, la durata della vita può essere leggermente ridotta se le escursioni sono molto lunghe. Tuttavia, queste calze da trekking non perdono nessuna delle loro caratteristiche di qualità e svolgeranno in modo affidabile il loro lavoro di aiuto.

Materiale: 33% lana merino, 33% nylon, 33% acrilico, 1% elastan | taglie: disponibile in tre misure | Colori: ampia scelta di colori

Le migliori calze da trekking da donna: FALKE Calza da trekking TK2

Cosa ci piace:

  • Mix di materiali di fibre sintetiche e lana merino
  • Imbottitura in aree soggette a vesciche
  • adatto per le giornate più calde e fredde
  • Proprietà progettate per una lunga durata
  • buona vestibilità grazie alla lavorazione elastica
Cosa non ci piace:

Non siamo riusciti a trovare un punto negativo.

Questa variante classica della calza da trekking ha tutto ciò di cui hai bisogno per iniziare davvero il tuo tour. La buona qualità si riflette moderatamente nel prezzo, ma ne vale sicuramente la pena. Senza appesantire, queste calze possono proteggere in modo affidabile dalle vesciche e garantire un buon clima del piede, soprattutto con temperature esterne più fredde. Il mix di materiali di lana e fibra sintetica è perfettamente abbinato a questo. Mantiene il piede caldo senza essere spesso. La piccola quantità di elastan assicura già una buona vestibilità ergonomica che appiattisce perfettamente il piede. Queste qualità durano a lungo e quindi questo calzino può offrirti un buon servizio in molte escursioni.

Materiale: 40% polipropilene, 28% acrilico, 22% lana, 9% poliammide, 1% elastan | taglie: disponibile in quattro misure | Colori: ampia scelta di colori

Calze da trekking per tutti i giorni: calze da trekking danese Endurance Merino

Cosa ci piace:

  • buona composizione del materiale per una confortevole regolazione del calore
  • ottima qualità e prezzo ragionevole
  • regolazione dell’umidità particolarmente buona anche con carichi elevati
  • condizioni di produzione trasparenti da parte del produttore
Cosa non ci piace:

Non siamo riusciti a trovare un punto negativo.

I calzini con design danese sono nel mezzo della fascia di prezzo e mantengono ciò che promettono. Anche con un uso intenso, il loro effetto regolatore persiste e non si formano sudore e cattivi odori. Questo li qualifica anche come un eccellente calzino da tutti i giorni, perché possono sopportare carichi elevati. Con la loro capacità di regolare l’umidità, non ti romperai facilmente il sudore, anche durante le intense attività quotidiane. Il prezzo basso è vantaggioso se si desidera utilizzare frequentemente questi calzini da trekking e quindi occorrono più copie. Un altro vantaggio: se sei interessato agli sfondi e vuoi saperne di più sulle condizioni di produzione, puoi leggerli presso il produttore.

Materiale: 36% nylon, 33% acrilico, 30% lana merino, 1% elastan | taglie: disponibile in tre misure | Colori: giallo, arancione, verde scuro

Trekkingsocken mit Kompressionswirkung: Calze merino Mid Cut da trekking CEP

Cosa ci piace:

  • calza leggera a compressione
  • buona tenuta e poche rughe
  • effetto leggermente rinfrescante ad alte temperature
  • modello più costoso con funzioni utili aggiuntive
Cosa non ci piace:

Non siamo riusciti a trovare un punto negativo.

Il prezzo ne vale sicuramente la pena con queste calze da trekking con una caratteristica in più, perché la particolare forma nell’uso dei materiali porta ad un effetto di compressione che fornisce un supporto aggiuntivo per il piede quando è molto utilizzato. Questo aiuta a ridurre al minimo la sensazione di affaticamento e così rimani in forma e motivato più a lungo. Queste calze da trekking hanno anche un leggero effetto rinfrescante alle alte temperature esterne, ma grazie al contenuto di lana forniscono anche un calore adeguato. La compressione non fornisce una piattaforma per le rughe e quindi fornisce anche una protezione perfetta contro i punti di pressione e le vesciche. Robustezza e longevità sono ulteriori aspetti che giustificano l’investimento.

Materiale: 69% poliammide, 22% lana, 9% elastan | taglie: disponibile in tre misure | Colori: rosso, blu, grigio

Vegane Trekkingsocken: Lurbel Mountain Premium Wandersocken

Cosa ci piace:

  • calzino più leggero per l’estate
  • composizione del materiale vegano
  • vestibilità ergonomica e asimmetrica
  • pressione ridotta grazie all’assorbimento degli urti
  • effetto antibatterico grazie alle fibre d’argento incorporate
Cosa non ci piace:

Non siamo riusciti a trovare un punto negativo.

Si tratta di un calzino leggermente più leggero, particolarmente utile in estate ed adatto anche se si prediligono materiali vegani e si preferisce fare a meno della lana. La calzata è ergonomica e quindi previene in modo affidabile le vesciche e aumenta il comfort delle scarpe. Il materiale contribuisce in modo significativo a questo, in quanto ha un alto grado di elasticità e il calzino ha anche una forma particolare che rende il materiale ancora più elastico. La calza da trekking ha un altro dettaglio unico: per evitare che i piedi odorino anche durante un’attività intensa, nel materiale sono state incorporate delle fibre d’argento e il loro effetto antibatterico garantisce maggiore freschezza.

Materiale: 42% viscosa, 28% poliestere, 22% poliammide, 8% elastan | taglie: disponibile in tre misure | Colori: nero, blu, grigio

Calze da trekking per lunghe escursioni in montagna: Falke Trekking Socks TK1

Cosa ci piace:

  • lavorazione di alta qualità
  • traspirante grazie alla lana merino
  • La forte imbottitura protegge dai punti di pressione
  • adatto a temperature da medie a più fredde
Cosa non ci piace:

Non siamo riusciti a trovare un punto negativo.

Le calze da trekking TK1 sono un modello adatto per i tour più lunghi a temperature più basse e offrono una buona imbottitura a tutto tondo per evitare vesciche e punti di pressione. Sono un po’ più stretti e forniscono molto supporto, il che è particolarmente vantaggioso nei viaggi più lunghi. La composizione del materiale è progettata più a lungo Marcia attraverso terreni montuosi ed è durevole e fermo. Il piede è ben sostenuto e tenuto oltre che acclimatato per un lungo periodo di tempo, tanto che anche una lunga camminata è accompagnata da una piacevole sensazione.

Materiale: 42% polipropilene, 25% acrilico, 20% lana, 12% poliammide, 1% elastan | taglie: disponibile in quattro misure | Colori: nero, blu, grigio, beige, oliva

Guida all’acquisto di calze da trekking

Dedichiamoci al mare con possibilità e orientarci con i giusti consigli e accorgimenti. Qui puoi approfondire l’argomento e chiarire tutti i dubbi.

Calzini da trekking o calzini da trekking?

I calzini da trekking sono ancora più spessi dei calzini da trekking e sono quindi meglio imbottiti. La vestibilità anatomica e il comfort rimangono gli stessi del calzino da trekking.

Chi ha bisogno di calze da trekking?

Ogni appassionato escursionista e avventuriero all’aria aperta dovrebbe affrontare l’argomento, perché con l’attrezzatura giusta puoi prevenire molte complicazioni!

L’attrezzatura adeguata è essenziale. Se hai selezionato i prodotti giusti per te, nulla può ostacolare la tua esperienza. Di seguito troverai i nostri vincitori del test e alcuni buoni suggerimenti per aiutarti a scegliere le calze da trekking perfette per te.

Importante: Dovresti sempre usare calze da trekking durante le escursioni. Altrimenti, il rischio di vesciche dolorose è molto alto.

Gli aiutanti poco appariscenti possono anche supportarti bene nella vita di tutti i giorni. Non devono restare intatti nell’armadio dopo l’escursione. Forniscono sollievo per ogni attività che mette a dura prova i tuoi piedi, che si tratti di un giro di shopping, di una gita al parco divertimenti o di una lunga passeggiata autunnale.

Guida all'acquisto dei calzini da trekking

I calzini da trekking devono fare un buon servizio per rendere l’escursione una grande esperienza.

Quali sono i criteri di acquisto più importanti per le calze da trekking?

Le tue calze da trekking dovrebbero circondare il piede come una seconda pelle, perché le rughe portano alle vesciche. Ancora di più: dovrebbero incorporare il piede in modo così ottimale che si adatta perfettamente alla scarpa, posiziona bene il piede nella scarpa e lo protegge da qualsiasi attrito.

I seguenti aspetti giocano un ruolo essenziale:

Evitare l’umidità

Ci sono due cose da tenere a mente qui: per allontanare l’umidità dal piede, cioè dall’interno – il sudore, il cui odore sgradevole dovrebbe anche essere prevenuto.

Umidità dall’esterno: Anche se l’acqua dovesse penetrare attraverso la scarpa, una buona calza da trekking riuscirà a tenerla lontana dal piede. Questa è una considerazione importante perché l’umidità, insieme al calore e all’attrito, è una delle cause principali delle dolorose vesciche.

Il materiale fa la differenza

Il tessuto di cui è fatto il tuo calzino da trekking gli conferisce gran parte della sua funzionalità. Diamo un’occhiata più da vicino ai materiali più comuni:

Lana: lana vergine o lana merino?

La lana è un must in quasi tutti i buoni calzini da trekking perché ha delle proprietà fantastiche. La lana merino è preferibile alla normale lana vergine per quanto riguarda la sua consistenza, perché ha fibre più fini ed è quindi più morbida. La speciale struttura in fibra ha un effetto regolatore della temperatura e dell’umidità.

Lo sapevateche la lana può assorbire umidità fino al 33% del suo peso? Non sembra nemmeno umido!

In questo modo, i piedi rimangono caldi, anche quando la temperatura esterna è bassa e il sudore e l’umidità vengono allontanati o tenuti lontani dal piede.
La lana Merino ha anche un effetto antibatterico e in questo modo impedisce lo sviluppo di cattivi odori.

Benefici della lana Contro di lana
buona termoregolazione può essere piuttosto caldo con un tessuto spesso
buona regolazione dell’umidità È necessaria cautela nella manutenzione
repellente allo sporco
cotone

Il cotone non ha questi vantaggi. È un materiale relativamente traspirante e naturale, ma assorbe e immagazzina l’acqua, il che non è una buona caratteristica per le calze da trekking. Ecco perché i tuoi calzini dovrebbero contenere solo una piccola quantità di cotone.

Benefici del cotone Contro del cotone
materiale naturale assorbe l’umidità
traspirante caldo solo in misura limitata
facile manutenzione non molto resistente alle macchie
sintetico

Ultimo ma non meno importante, ci sono i materiali sintetici, come il poliammide o il poliestere, che vengono spesso utilizzati nelle calze da trekking. Sono molto leggeri e, a differenza del cotone, non immagazzinano acqua, ma la loro forma in fibra consente anche di trasportare via l’umidità.

Benefici del sintetico Contro dei sintetici
buona regolazione dell’umidità non molto caldo senza lana
materiale di facile manutenzione potrebbe non essere molto traspirante
più leggero e adatto per l’estate

La vestibilità – un’altra caratteristica di una buona funzionalità

Oltre al materiale, la vestibilità è ovviamente un aspetto importante per la funzionalità e il comfort della calza. Sono disponibili in diverse lunghezze. Tuttavia, la cintura del calzino dovrebbe estendersi oltre la tomaia della scarpa in modo da evitare punti di attrito e pressione in questo punto.

L’imbottitura appositamente incorporata dei calzini è una misura aggiuntiva per proteggere le aree molto utilizzate dalle vesciche, come caviglie, talloni e dita dei piedi. Le calze da trekking hanno spessori e punti di forza diversi: qui è importante prestare attenzione alle informazioni e alle istruzioni del rispettivo produttore. Questa vestibilità anatomica è di solito adattata in modo speciale ai piedi di forma diversa di uomini e donne. Ad esempio, i calzini da trekking da donna sono tagliati più stretti di quelli da uomo in modo che abbraccino saldamente il piede e non si formino rughe.

Gamma e prezzi

Ci sono marchi noti che offrono calze da trekking di alta qualità e produttori meno noti. Li puoi trovare nei negozi di accessori per l’escursionismo e utensili da esterno, ma anche nei negozi di intimo funzionale. Il prezzo varia da meno di dieci euro a trenta euro al paio. I calzini da trekking con compressione possono costare fino a cinquanta euro al paio. Sono disponibili singolarmente o come set.

Trekkingsocken im Test

Con la giusta selezione, le calze da trekking diventano un aiuto meraviglioso, in modo che nessun percorso sia troppo accidentato. Ti supportano in ogni fase del percorso.

Quali marche producono calze da trekking di alta qualità?

L’azienda Falke è un noto produttore di calze da trekking. L’azienda presta grande attenzione a una qualità sempre buona e duratura ea una vasta gamma. Il nome Danish Endurance è un marchio moderno e innovativo. Il prezzo di acquisto dei calzini è compreso tra 15 e 25 euro. Tutti i produttori vendono i loro prodotti su Amazon.de.

Calzini da trekking nella panoramica del test: quali sono i calzini da trekking migliori?

A volte la varietà dei prodotti può essere travolgente e la scelta è difficile. Per avere un quadro più preciso, spesso facciamo affidamento sui risultati dei test che valutano il prodotto di conseguenza. Abbiamo quindi fornito una panoramica per te qui. Come già accennato, i termini calze da trekking e calze da trekking sono per lo più usati come sinonimi, motivo per cui troviamo anche entrambi i titoli nei test.

Testmagazin Test dei calzini da trekking disponibile? Anno di pubblicazione Accesso libero Scopri di più
Stiftung Warentest Purtroppo nessun calzino da trekking è stato ancora testato.
Eco test Sono state testate 15 paia di calzini. 2016 no Clicca qui
Konsument.at Non c’è ancora nessun test.
Ktipp.ch Sono state sottoposte al test 17 paia di calzini. 2017 no Clicca qui

FAQ – Domande frequenti sui calzini da trekking

Dopo averti fornito una buona panoramica, ora puoi scoprire maggiori dettagli su alcuni aspetti. Dopotutto, hai bisogno del prodotto giusto per te una selezione precisa in modo che tu sia soddisfatto del tuo acquisto.

Ci sono differenze tra le calze da trekking per l’estate e per l’inverno?

I calzini da trekking per l’estate sono un po’ più sottili e sono preferibilmente realizzati in materiale sintetico come il poliammide. I calzini da trekking invernali sono lavorati a maglia più spesso e spesso hanno una maggiore percentuale di lana.

Quali sono i vantaggi delle calze da trekking senza cuciture?

Ci sono calze da trekking a maglia rotonda che, grazie a questo metodo di fabbricazione, hanno una superficie morbida e senza cuciture che riduce ulteriormente il rischio di vesciche.

Perché non dovresti lavare i calzini da trekking?

I calzini da trekking con un’alta percentuale di lana merino non vanno in lavatrice. L’alta temperatura e il forte attrito farebbero infeltrire la lana e perderebbero le sue proprietà pratiche.

Come mi prendo cura adeguatamente delle mie calze da trekking?

Ti godrai le tue calze da trekking a lungo termine se prendi loro la giusta cura. Il materiale più sensibile che contiene determina la procedura di cura. Si consiglia inoltre di lavare i calzini al rovescio in modo da sciacquare meglio i residui.

Quante paia di calze da trekking devo portare durante il tour?

Il numero di calzini di cui hai bisogno durante un tour dipende da alcuni fattori. Porta con te un numero sufficiente di paia per cambiarti, soprattutto se tendi a sudare più velocemente, se il sentiero è umido e potrebbe anche esserci acqua da attraversare.

Consiglio: Cambia i calzini non appena si sentono umidi. In questo modo eviti un altro rischio di vesciche. E un altro consiglio: Durante le pause, dovresti ventilare regolarmente i piedi e le calze.

Confronto calze da trekking

Una buona ventilazione durante le pause aiuta a mantenere fresche le calze da trekking. Questo previene e garantisce un maggiore comfort.

Esistono calze da trekking vegane?

Se vuoi fare a meno della lana per determinati motivi, troverai anche calze da trekking senza lana, che sono a base di fibre sintetiche, bambù o cotone. Le più raccomandabili sono le fibre sintetiche per le loro proprietà pratiche, di cui abbiamo già discusso sopra.

Posso indossare anche i miei calzini da trekking tutti i giorni?

Perché, sicuramente! Si consiglia di indossare un materiale più sottile in estate, e le calze da trekking servono anche per tutte le attività di corsa più intense, soprattutto per i piedi che tendono a sudare di più.

Come scelgo la taglia giusta?

Fondamentalmente, dovresti scegliere una taglia più piccola rispetto alla misura effettiva della scarpa. Il tuo numero normale di scarpe non è sempre la misura giusta per i tuoi calzini da trekking. Quando rispondi a questa domanda, presta attenzione anche alle informazioni del produttore, ti aiuteranno a fare la scelta giusta.

Esistono calze da trekking con funzione di compressione?

In breve: sì, ci sono. La compressione raggiunge un aumento del flusso sanguigno e quindi un migliore apporto di ossigeno e può quindi alleviare la sensazione di affaticamento. Ti abbiamo presentato un prodotto corrispondente qui.

Ulteriori fonti

* Ci colleghiamo a negozi online selezionati e partner da cui potremmo ricevere un compenso. Come partner Amazon, guadagno da vendite qualificate


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.