Se il sentiero diventa la meta durante l’escursionismo, è indispensabile una buona calzatura. Ma una buona scarpa da trekking può essere anche un compagno adatto per una passeggiata con il cane o come armatura contro tutte le condizioni atmosferiche e quindi non è popolare solo tra gli atleti all’aperto.

In questo articolo abbiamo raccolto per voi i criteri di acquisto più importanti e ci dedichiamo anche ai test attuali delle scarpe da trekking.

I nostri preferiti

Le migliori scarpe da trekking per principianti: CMP Rigel Mid Damen
“Una scarpa leggera e conveniente per i primi percorsi più leggeri.”

I migliori scarponi da trekking in pelle: Meindl Borneo Lady 2 MFS
“Un classico robusto del marchio Meindl per trekker particolarmente esigenti.”

Le migliori scarpe da trekking da donna: Salewa Damen WS Mountain Trainer Mid Gore-TEX
“Che si tratti di escursionismo, trekking o alpinismo: il Mountain Trainer è uno scarpone di alta qualità per tutti i casi!”

Le migliori scarpe da trekking vegane da donna: Lowa Women Luxury GTX Mid WS
“Uno scarpone di alta qualità per tour di media difficoltà che non contiene prodotti di origine animale.”

Le migliori scarpe da trekking per professionisti: Hanwag Alaska GTX
“Quando la distanza diventa il punto di riferimento e il bagaglio non può essere abbastanza pesante, l’Alaska GTX rimane sicuro, su qualsiasi terreno!”

Le migliori scarpe da trekking larghe da uomo: Hanwag Tatra II Wide GTX
“Per il massimo comfort possibile con piedi più larghi..”

Le migliori scarpe da trekking vegane da uomo: Lowa Irox GTX Mid
“Una scarpa da trekking affidabile senza ingredienti animali.”

Le migliori scarpe da trekking per bambini: Lowa Trucchi III GTX Junior
“Un compagno sicuro per giovani avventurieri e giovani escursionisti.”

Indice

l’essenziale in breve

  • La cosa più importante è la giusta misura.
  • Più il terreno è impervio e più pesante è il tuo bagaglio, più forte dovrebbe essere la scarpa.
  • Il materiale e il rivestimento dipendono dalla destinazione del viaggio prevista.
  • La tua esperienza di viaggio e protezione resiste o cade con le calzature giuste, che, con buona cura, ti accompagneranno per molti anni.

Le migliori scarpe da trekking: le preferite dagli editori

Quando cercherai le tue nuove scarpe da trekking, ti imbatterai in una varietà di modelli e marche. Per non confonderci con l’ampia selezione, abbiamo messo insieme i nostri preferiti per donne, uomini e bambini di seguito:

Le migliori scarpe da trekking da donna

Tra i nostri preferiti per le donne, vorremmo presentarvi un modello entry-level, uno in pelle, una scarpa professionale e uno scarpone da trekking vegano:

Le migliori scarpe da trekking per principianti: CMP Rigel Mid donna

Cosa ci piace:

  • modello entry-level conveniente per chi deve ancora familiarizzare con il trekking
  • impermeabile e traspirante
  • suole rimovibili
  • disponibile in molti colori

Cosa non ci piace:

  • adatto solo per semplici escursioni e trekking
Valutazione editoriale

La scarpa da donna Rigel Mid di CMP è un modello entry-level economico che colpisce per la sua ampia varietà di colori e la sua vasta gamma di usi. Che si tratti di fare sci di fondo con il cane, di un’escursione domenicale o di provare il trekking, il Rigel potrebbe essere la scelta giusta.

Il Rigel Mid ti protegge anche dall’umidità e garantisce un piacevole clima del piede grazie alla membrana Clima-Protect. Per un maggiore comfort, la scarpa ha anche una soletta Ortholite antibatterica e traspirante, che può anche essere sostituita.

Con circa 800 grammi al paio (taglia 38), le scarpe sono nel complesso piuttosto leggere, ma grazie alla suola con profilo FullOn Grip assicurano un buon grip, anche su superfici scivolose. L’intersuola in EVA ha un effetto ammortizzante ed è anche delicata sulle articolazioni.

Il Rigel Mid ha anche un supporto esterno nella zona della caviglia e una protezione dall’abrasione a tutto tondo che protegge il materiale esterno in pelle e poliestere. La patta d’ingresso lo rende facile da indossare e da togliere.

I migliori scarponi da trekking in pelle: Meindl Borneo Lady 2 MFS

Cosa ci piace:

  • robusta scarpa in pelle, anch’essa foderata in pelle all’interno
  • particolarmente traspirante e regola l’umidità grazie alla pelle
  • Schiuma MFS nella zona della caviglia per un comfort extra
  • Linguetta in mesh per la regolazione dell’umidità
  • Suola Vibram per un passo sicuro
  • Risolvibile e quindi durevole

Cosa non ci piace:

  • non è impermeabile
  • relativamente pesante a circa 1,3 chilogrammi al paio
Valutazione editoriale

Con il Borneo Lady 2 MFS incontrerai un vero classico del marchio Meindl, che combina un esterno robusto con un alto livello di comfort. Il modello è adatto per escursioni di più giorni con bagagli medio pesanti. Ma è adatto anche a terreni accidentati o leggermente alpini.

La superficie della scarpa mezza alta è realizzata in pelle nabuk cerata, che è protetta da un bordo di protezione dai detriti circostante. Fodera in pelle e tessuto sono lavorati all’interno.

La Borneo non ha una membrana GoreTex incorporata e quindi non è impermeabile, ma la pelle utilizzata rende la scarpa particolarmente termoregolatrice e traspirante. Con una buona cura, la pelle è anche idrorepellente.

Il sistema memory foam (MFS) utilizzato garantisce una calzata particolarmente buona nella zona della caviglia e del plantare. Una vestibilità comoda è praticamente garantita. Poiché l’MFS viene attivato dal calore corporeo e si adatta, è necessario allacciare nuovamente la scarpa dopo un breve periodo di rodaggio di 15-20 minuti.

Grazie alla suola in gomma Vibram con tacchetti a trazione profonda, puoi correre in sicurezza su qualsiasi terreno. Questo può essere scambiato dal produttore Meindl nell’interesse della longevità.

Le migliori scarpe da trekking da donna: Salewa Ladies WS Mountain Trainer Mid Gore-TEX

Cosa ci piace:

  • Intersuola con tecnologia Bilight
  • plantare OrthoLite rinfrescante e traspirante
  • Vibram Wrapping Thread Combi (WTC) Laufsohle
  • adatto per avvicinamenti e arrampicate facili
  • calzata buona e stabilizzante grazie all’allacciatura rampicante

Cosa non ci piace:

  • piuttosto costoso, quindi meno adatto all’uso quotidiano
Valutazione editoriale

Con il Salewa WS Mountain Trainer Mid GoreTex, ti presentiamo un vero tuttofare adatto sia per l’approccio che per i terreni misti. Quindi puoi usarlo durante l’escursionismo, il trekking e l’alpinismo. Il Mountain Trainer ti supporta con un sacco di know-how tecnico ed è disponibile in sei diversi colori.

La speciale allacciatura mediante allacciatura rampicante garantisce una calzata precisa. Il flessibile Flex Collar sul retro dell’asta offre un comfort aggiuntivo durante la discesa, anche con un carico pesante. Inoltre, il sistema 3F brevettato da Salewa supporta la tua presa e agisce efficacemente contro le vesciche nella zona del tallone.

La scarpa, realizzata in resistente camoscio e sintetico, ti protegge anche dall’umidità grazie al GoreTex. La suola Vibram e l’intersuola con tecnologia Bilight garantiscono anche un’esperienza di camminata sicura e confortevole e ammortizzano ogni passo. Grazie al plantare OrthoLite, il vano piedi rimane piacevolmente asciutto e fresco durante la corsa.

Poiché la Mountain Trainer è una scarpa molto tecnica, è più adatta a piedi da normali a stretti. Grazie all’allacciatura e alle suole aggiuntive, la scarpa può essere regolata anche per i piedi stretti. Per una buona vestibilità, è meglio ordinare una taglia più grande.

Le migliori scarpe da trekking vegane da donna: Lowa Women Lyxa GTX Mid WS

Cosa ci piace:

  • alternativa vegana di alta qualità alle scarpe con componenti in pelle
  • impermeabile e traspirante grazie a GoreTex
  • protezione spigoli integrata per tour alpini
  • La suola in gomma assicura una buona presa
  • La suola può essere scambiata
  • relativamente leggero (meno di 1 chilogrammo al paio)

Cosa non ci piace:

  • sono piuttosto piccoli e sono più adatti a piedi stretti
Valutazione editoriale

Molti produttori di abbigliamento outdoor nel frattempo credono nella sostenibilità molto caro al mio cuore. Lowa, in particolare, non si dedica solo a rendere le scarpe più sostenibili, ma ha anche tenuto conto del desiderio di un’alternativa vegana nella sua gamma.

Lo stivale da donna Lyxa GTX Mid WS colpisce particolarmente per il suo design chic realizzato al 100% in tessuto e materiale sintetico. Non ci sono nemmeno prodotti animali nell’adesivo. Ciò rende la scarpa completamente vegana.

Il prodotto convince anche sul sentiero. La membrana GoreTex integrata mantiene i piedi asciutti. Il materiale superiore in tessuto robusto è particolarmente resistente e il bordo di protezione dai detriti integrato protegge il materiale.

Tuttavia, se la soletta antiscivolo è scaduta, puoi facilmente far risuolare le scarpe. In questo modo puoi tenere le scarpe il più a lungo possibile.

La scarpa da trekking può essere utilizzata in molti modi e, con il suo albero stabile, offre supporto anche su terreni accidentati. A meno di un chilo al paio, è relativamente leggero. È adatto per escursioni e tour in terreni alpini, preferibilmente con bagagli più leggeri.

L’unico difetto si trova nella vestibilità. Le scarpe sono relativamente strette e dovrebbero quindi essere ordinate una taglia più grande.

Le migliori scarpe da trekking per uomo

In questa sezione vorremmo presentarti i nostri 3 preferiti per le scarpe da uomo. Abbiamo selezionato un modello per i professionisti, uno per i piedi larghi e un paio di scarpe da trekking vegan:

Le migliori scarpe da trekking per professionisti: Hanwag Alaska GTX

Cosa ci piace:

  • scarpone da trekking di alta qualità adatto anche ai ramponi
  • con laminato GoreTex per un buon clima della scarpa
  • Risolvibile e quindi durevole
  • con suola Vibram

Cosa non ci piace:

  • prezzo alto che ripaga solo per escursionisti esigenti
Valutazione editoriale

Le scarpe da trekking del produttore tedesco Hanwag sono sinonimo di qualità, artigianalità, know-how tecnico e innovazione da 100 anni. Questo è anche il caso dell’Hanwag Alaska GTX, uno scarpone da trekking robusto su cui puoi fare affidamento anche durante lunghi tour di trekking con bagagli pesanti.

Come materiale superiore viene utilizzata la pelle nabuk dalla Germania, che in combinazione con la membrana GoreTex utilizzata garantisce una protezione affidabile contro l’acqua, ma ha anche un effetto di regolazione dell’umidità.

Inoltre, i movimenti di pompaggio durante la corsa favoriscono il ricambio d’aria e climatizzano la scarpa in modo particolarmente efficace. Il bordo di protezione delle macerie disegnato a mano, anch’esso dalla Germania, protegge la pelle dall’usura e garantisce quindi una forma stabile della scarpa.

Utilizzando meno cuciture, vengono eliminati potenziali punti di pressione sulla scarpa, il che ripaga nei tour lunghi e impegnativi. La suola è anche resistente alla torsione e offre una posizione sicura e stabile su terreni irregolari.

La suola in gomma aumenta anche la sicurezza. Grazie al design pizzicato e con doppia cucitura, puoi anche far risuolare lo stivale in qualsiasi momento. Ciò significa che questo prodotto rimarrà in buone condizioni per lungo tempo.

Con Hanwag Alaska GTX avresti una scarpa affidabile e di alta qualità in grado di resistere a elevate esigenze e che può anche essere dotata di ramponi. Anche se questo modello ha il suo prezzo, si contrappone a una qualità eccellente che ripaga dei frequenti trekker.

Le migliori scarpe da trekking larghe da uomo: Hanwag Tatra II Wide GTX

Cosa ci piace:

  • ampia dura per una buona vestibilità con piedi più larghi
  • Taglio foglia con poche cuciture per ridurre i punti di pressione
  • Morsetti a clic per allacciatura separata dell’albero e del collo del piede
  • Membrana GoreTex per piedi asciutti
  • Suola Vibram per un passo sicuro e confortevole
  • Pelle Terracare ecologica con bordo di protezione dalle macerie
  • Risolvibile e quindi durevole

Cosa non ci piace:

  • non adatto per ramponi
Valutazione editoriale

Con la Tatra II Wide GTX ti presentiamo un altro classico di Hanwag, ma questa volta con una vestibilità extra larga. I modelli Hanwags Wide con forme allargate ti garantiscono spazio aggiuntivo nell’area dell’avampiede.

Grazie al taglio della lama, la scarpa ha anche meno cuciture e possibili punti di pressione sono ridotti, il che significa che ottieni uno scarpone da trekking particolarmente comodo per impegnative escursioni di bassa montagna e tour di trekking e salite più facili.

Il Tantra è particolarmente adatto per lunghi viaggi con bagagli pesanti e pesa ben 1,6 chilogrammi al paio alla taglia 42.

Il materiale della tomaia è in pelle Terracare CO2 neutrale proveniente dalla conceria tedesca Heinen. L’interno della scarpa è imbottito con una morbida fodera sintetica e ti protegge dall’umidità grazie alla membrana GoreTex. L’Air-Pulse-System integrato assicura anche un ottimale ricambio d’aria nella scarpa.

Il Tatra II ha anche pronti i cosiddetti morsetti a scatto, per cui la forza dei lacci nella zona del collo del piede e dell’albero può essere regolata indipendentemente l’uno dall’altro. Il gancio per la lingua, anch’esso integrato, può anche essere legato per evitare che la lingua scivoli.

La protezione del tallone e della punta in gomma protegge il materiale della tomaia da abrasioni e danni, mentre la suola con profilo Vibram aderente ti offre un passo sicuro. Quest’ultimo può anche essere rinnovato, il che significa che la scarpa può diventare una compagna per gli anni a venire.

Le migliori scarpe da trekking vegane da uomo: Lowa Irox GTX Mid

Cosa ci piace:

  • buona presa grazie alla suola in gomma antiscivolo
  • La caviglia è sostenuta dall’albero
  • alternativa vegana ad altri scarponi da trekking
  • impermeabile e traspirante grazie a GoreTex
  • buon comfort

Cosa non ci piace:

  • Secondo le dichiarazioni dei clienti, alcuni di essi non sono particolarmente durevoli
Valutazione editoriale

Scarpe da trekking vegane da uomo? Con la Irox GTX Mid, Lowa ha creato una scarpa da uomo di alta qualità per il trail che non contiene prodotti di origine animale.

La combinazione di una scarpa da avvicinamento bassa e una tradizionale scarpa da montagna la rende adatta sia a trekking di media difficoltà che a tour in montagna. Con un peso di circa 1,2 chilogrammi (taglia 42) al paio, è relativamente leggero.

L’Irox fornisce una buona resistenza e supporto per la caviglia. Inoltre, con la suola in gomma utilizzata, garantisce un passo sicuro e grip sulle zone bagnate. Ciò significa che sei equipaggiato anche contro qualsiasi superficie fuori pista. La suola è un po’ più flessibile di quella dei classici scarponi da montagna per favorire il comportamento di rotolamento del piede nei tour più lunghi.

Come materiali esterni vengono utilizzati finta pelle e materiali sintetici. La membrana GoreTex, spesso utilizzata da Lowa, protegge anche l’Irox dall’umidità e garantisce anche un clima equilibrato della scarpa. È disponibile in una combinazione sportiva nero-verde o grigio ruggine e quindi si distingue anche visivamente dal classico scarpone da montagna marrone.

Le migliori scarpe da trekking per bambini

Il nostro preferito nel campo delle scarpe per bambini è un modello del produttore Lowa, adatto sia per ragazzi che per ragazze:

Le migliori scarpe da trekking per bambini: Lowa Kody III GTX Junior

Cosa ci piace:

  • buona stabilità laterale protegge le caviglie
  • Il profilo aderente garantisce un appoggio sicuro sulle superfici bagnate
  • impermeabile e durevole
  • La membrana GoreTex assicura un buon clima del piede

Cosa non ci piace:

  • potrebbe essere troppo stretto se i tuoi piedi sono larghi
Valutazione editoriale

In particolare, i giovani escursionisti hanno bisogno di calzature affidabili durante le loro avventure che forniscano un supporto ottimale e proteggano lo scheletro ancora in crescita. Con il Kody III GTX Junior, Lowa offre ai piedi dei bambini una scarpa antiscivolo e stabilizzante per escursioni in basse catene montuose e facili tour attraverso terreni alpini.

La tomaia in pelle e sintetico è particolarmente robusta. Con l’aiuto della membrana GoreTex integrata, protegge anche dall’umidità e, con l’aiuto della fodera sintetica, garantisce un buon clima del piede. È quindi perfettamente attrezzato per varie attività all’aria aperta e supporta i bambini nella vita di tutti i giorni e durante una vera escursione.

Grazie alla lavorazione di alta qualità, la scarpa ha anche una lunga durata e può quindi essere trasmessa anche ai fratelli. Il Kody III Junior è particolarmente adatto a bambini con piedi da normali a stretti. Tuttavia, va tenuto presente che la scarpa è più piccola. a La taglia 31 pesa circa 600 grammi.

Guida all’acquisto di scarpe da trekking

Per trovare la calzatura giusta, dovresti considerare quali requisiti farai alla tua futura scarpa da trekking. Di seguito abbiamo raccolto una panoramica dei criteri di acquisto più importanti:

Per gli escursionisti, le scarpe da trekking sono l'attrezzatura più importante sul sentiero insieme allo zaino

Quando si va nella natura selvaggia con bagagli pesanti, sono essenziali buone scarpe da trekking. Per essere equipaggiato in modo ottimale, dovresti considerare fattori come la destinazione del viaggio, il materiale e la vestibilità quando fai la tua scelta.

Cos’è una scarpa da trekking?

A differenza delle escursioni su sentieri sviluppati, quando si cammina per più giorni bisogna fare affidamento su calzature particolarmente robuste e robuste. Le scarpe da trekking consentono un passo sicuro fuori dal sentiero e forniscono il miglior supporto possibile per il piede in caso di carichi maggiori su terreni impegnativi con bagagli pesanti.

Per chi è adatta una scarpa da trekking?

Stai pianificando un tour fuori dai sentieri battuti e porti con te la tua attrezzatura per diversi giorni? Quindi una scarpa da trekking è la prima scelta per adattarsi in modo ottimale alle circostanze del terreno.

Anche i tratti difficili che a volte attraversano il ghiaione richiedono calzature affidabili. Anche qui potrebbe essere adatta una scarpa da trekking che ti sostenga meglio di una scarpa da trekking, ma non sia così pesante come un vero scarpone da montagna.

Alcuni indossano anche scarpe da trekking nella vita di tutti i giorni, ad esempio quando il cane attraversa spesso la campagna. L’argomento principale qui è il buon supporto della caviglia e la suola dal passo sicuro.

Se una scarpa da trekking è la scelta giusta per te dipende interamente dall’uso pianificato. In caso di dubbio, è consigliabile maggiore protezione e supporto.

Quali sono i vantaggi di una scarpa da trekking?

Una scarpa da trekking sostiene le caviglie su terreni tecnicamente impegnativi. Soprattutto se stai pianificando un tour di più giorni con pernottamento e bagagli pesanti, il tuo comfort di viaggio dipende molto dalle tue rispettive scarpe.

Una scarpa che non ti sostiene, la cui suola è troppo morbida e che scivola su superfici lisce non è una scelta adatta. In determinate circostanze può portare a lesioni gravi. Per stare lontano da loro e ottenere la migliore esperienza possibile dal tuo tour, dovresti fare affidamento sulla qualità di una buona scarpa da trekking.

Quali sono i criteri di acquisto più importanti per le scarpe da trekking?

Ora vorremmo presentarvi i criteri di acquisto più importanti per la scelta delle vostre future scarpe da trekking:

Tipi di modello

Le scarpe o gli scarponi da trekking si differenziano dalle comuni scarpe da trekking in quanto garantiscono protezione e stabilità speciali con bagagli pesanti su terreni accidentati. Ma sono relativamente pesanti.

Ci sono anche scarponi da trekking più leggeri, ma non dovresti fare a meno della protezione aggiuntiva in un tour lontano da sentieri asfaltati, ad esempio attraverso il ghiaione.

Per differenziare i diversi tipi di scarponi da montagna e da montagna, molti fornitori utilizzano il sistema del marchio Meindl come guida. Le scarpe da trekking rientrano per lo più nella gamma da B a B / C.

Ecco come si riconosce una scarpa da trekking:

  • albero solido, stabile e alto per sostenere in sicurezza il piede
  • suola moderatamente ammortizzata per un passo sicuro – questa proprietà è anche conosciuta come resistente alla torsione
  • relativamente pesante (oltre 800 grammi per scarpa per la taglia 43)
Modelli uomo/donna o unisex

Molti produttori ora offrono anche modelli unisex. Tuttavia, dovresti notare che la forma dei piedi negli uomini e nelle donne spesso si discosta leggermente l’una dall’altra.

Gli uomini hanno spesso una minore differenza di larghezza tra la zona del tallone e della punta. Il fusto delle scarpe da uomo è quindi spesso più basso e stretto. Nel complesso, le scarpe speciali da donna o da uomo di solito si adattano meglio al rispettivo piede.

La suola delle scarpe da trekking

La maggior parte degli scarponi da trekking, da trekking e da montagna di alta qualità funziona con le cosiddette suole montate. Questi sono multistrato e quindi più costosi da produrre rispetto alle suole in poliuretano iniettato (TPU), ma sono anche più resistenti e possono essere risuolati. Affinché le tue scarpe durino il più a lungo possibile, vale la pena cercare quelle con suole montate.

Più spessa è l’intersuola delle scarpe, migliore è l’ammortizzazione e la protezione delle articolazioni. Questo shock e assorbimento degli urti è particolarmente consigliabile nelle lunghe escursioni con bagagli pesanti, poiché contrasta anche l’affaticamento più rapido.

Una buona ammortizzazione è particolarmente importante per i bambini in crescita al fine di proteggere lo scheletro e i muscoli.

Per proteggere il materiale della tomaia, molte scarpe da trekking e da trekking hanno anche un bordo di protezione dai detriti in gomma, che si trova sulla parte anteriore della punta.

Nota: Più impraticabile è il terreno su cui vuoi camminare, più ruvido dovrebbe essere il profilo delle tue suole. Più sono piatte e meno profilate, meno grip ti danno su terreni alpini.

La calzata ottimale per le scarpe da trekking

Fondamentalmente, dovresti sempre portare scarpe da trekking almeno una mezza taglia più grandi, perché i tuoi piedi si gonfiano durante l’escursione. Inoltre, le calze da trekking, che di solito sono più spesse delle calze per il tempo libero, occupano più spazio nelle scarpe.

Puoi riconoscere la giusta misura principalmente dai seguenti criteri:

criteri Dovresti prestare attenzione a questo Ecco come puoi testare le scarpe
Prima impressione
  • dovrebbe essere sicuramente buono
  • convincerti dell’apparenza
  • prova al meglio diversi modelli
  • determinare subito quali si sentono più a loro agio
Sede del tallone
  • per evitare vesciche, la scarpa deve essere saldamente attaccata al tallone
  • prova le scarpe salendo le scale:
    • se il tallone scivola su e giù, c’è il rischio di vesciche
luogo
  • per evitare punti di pressione sulle dita dei piedi, hanno bisogno di spazio sufficiente verso l’alto e lo spazio di un pollice in avanti (circa 1,5-2 centimetri)
    • questo è particolarmente importante quando si va in discesa
  • estrai la soletta e stai in piedi con i talloni sul bordo posteriore
    • così puoi vedere chiaramente la distanza tra le dita dei piedi e il bordo anteriore
  • fare bruschi movimenti di arresto per scoprire se le dita dei piedi hanno abbastanza spazio
Comportamento al rotolamento
  • il punto di roll-off per il miglior comfort è direttamente sotto la pianta del piede
  • Nota che una suola più rigida e una scarpa più solida possono compromettere il comportamento di rotolamento per proteggere il piede
  • testare il comportamento al rotolamento camminando un po’ con la scarpa
stabilità
  • Per un supporto ottimale, la borsa dovrebbe essere stretta, ma può essere legata comodamente (essere resistente alla torsione)
  • testare la rigidità torsionale aggiungendo Stai di lato sul bordo di un gradino (aggrappati alla ringhiera)
  • la scarpa non deve piegarsi sotto il piede, ma piuttosto offrire un appoggio stabile
Il momento migliore per provare

È meglio provare i possibili modelli nel pomeriggio o alla sera, poiché il piede si gonfia nel corso della giornata. Dopo 15 minuti dovresti riallacciare la scarpa per una vestibilità ottimale.

Acquista scarpe da trekking in negozio

Tieni le scarpe il più a lungo possibile (circa un’ora) e testale per una buona e stabile vestibilità utilizzando i metodi menzionati.

Il montaggio a casa

Se hai l’opportunità di provare le scarpe a casa, puoi indossarle per diverse ore nelle ore serali. Nell’appartamento puoi metterli alla prova utilizzando i metodi sopra menzionati.

Attenzione! Non scegliere mai una scarpa da trekking troppo piccola o adatta a metà e prova sempre entrambe le scarpe. La maggior parte delle scarpe oggi non può più essere rodata o “rotta” e dovrebbe quindi adattarsi bene fin dall’inizio. Questo non si applica alle scarpe con fodera in pelle.

Vestibilità per marca?

Il marchio può anche fornire una guida iniziale alla vestibilità. Produttori come Hanwag e Meindl, ad esempio, offrono adattamenti diversi. A Hanwag, viene fatta una distinzione tra largo (per piedi larghi), stretto (per piedi piuttosto stretti) e borsite (per alluce valgo).

Altri produttori come La Sportiva, Scarpa e Salewa sono generalmente piuttosto stretti, mentre marchi come Keen e Meindl sono generalmente più larghi. Scarpe da ginnastica Il produttore Lowa è relativamente “normale”.

Meccanismo di chiusura e lacci delle scarpe da trekking

L’allacciatura gioca un ruolo essenziale in termini di vestibilità e comfort. Il sistema di allacciatura dovrebbe garantire un’aderenza perfetta sull’asta per non sfregare ed evitare vesciche. Se la scarpa non avvolge il piede in modo ottimale dopo l’allacciatura, non è adatta.

In questo video troverai alcuni consigli pratici per allacciare le tue scarpe da trekking:

Tomaia per scarpe da trekking

Il materiale ha indubbiamente un’influenza sull’aspetto della scarpa – e questo è noto per essere una questione di gusti. Ciò che è molto più importante, tuttavia, è che i vari materiali si adattano diversamente a condizioni specifiche. Puoi scoprire quali materiali sono adatti a cosa e a cosa dovresti prestare attenzione qui.

Consiglio: Molte scarpe da trekking e da trekking sono disponibili nei classici toni del marrone e del grigio. Sono senza tempo e chic, ma c’è il rischio di confusione negli scali nei rifugi. Quindi, se hai intenzione di fermarti, vale la pena contrassegnare le scarpe in modo ben visibile.

La pelle come materiale superiore

In condizioni climatiche asciutte e calde, la pelle offre un elevato livello di comfort. Inoltre, di solito è più stabile e resistente dei materiali sintetici. Se ben cerato è anche idrorepellente. È meglio cercare scarpe in pelle con una membrana funzionale. Questo assicura che la scarpa si asciughi più velocemente.

Vale la pena saperlo: Date grande importanza alla sostenibilità, ma non volete rinunciare alla pelle? La pelle Terracare prodotta dalla conceria Heinen in Germania si è specializzata in un processo di lavorazione che fa risparmiare risorse e, grazie alla sua produzione locale, risparmia sui lunghi percorsi di trasporto.

Tomaia sintetica

Le scarpe da trekking realizzate in materiali sintetici sono particolarmente adatte in condizioni climatiche umide e fredde. Sono per lo più idrorepellenti e più traspiranti della pelle, il che significa che si asciugano più velocemente. Sono anche più leggeri. La cordura, ad esempio, è un materiale sintetico particolarmente robusto e resistente agli strappi che viene utilizzato nelle scarpe da trekking.

Importante: Le scarpe con una membrana funzionale impermeabile sono la scelta migliore sui sentieri con pernottamento (s). Si asciugano abbastanza velocemente anche in tenda e non richiedono alcuna cura aggiuntiva quando sei in giro.

Fodera di scarpe da trekking

L’alimentazione che scegli per le tue scarpe da trekking dovrebbe dipendere dalla destinazione del tuo viaggio, ma soprattutto dalle temperature previste, dal tempo e dalla regione.

Fodera in rete e pelle

Sono adatti per le regioni calde e calde, in quanto non sono impermeabili, ma particolarmente traspiranti. Anche se le membrane funzionali sembrano allettanti, trovano i loro limiti quando si tratta dello scambio di umidità e aria. Mesh e pelle sono scelte migliori qui per mantenere i piedi asciutti.

Importante: Se scegli scarpe da trekking senza membrana funzionale, il bel tempo e un alloggio permanente dove le scarpe possono asciugarsi la sera dovrebbero essere i prerequisiti.

Gore Tex

Il sistema Gore-Tex antivento e impermeabile, ma permeabile al vapore acqueo, offre ai tuoi piedi protezione dall’umidità con la massima traspirabilità possibile. Tuttavia, dovresti notare che anche questi ultimi sono limitati dalla protezione.

Principalmente riconoscibili dal GTX nel nome del prodotto, le scarpe con membrana Gore-Tex sono particolarmente adatte per le aree con temperature più basse e un’alta probabilità di precipitazioni.

Nota: Contrariamente ad alcune affermazioni, anche le scarpe da trekking con Gore-Tex richiedono cure regolari. Puoi trovare suggerimenti su come prenderti cura delle tue scarpe da trekking nelle FAQ.

Surround in Gore-Tex

Questo è un sistema più recente che circonda il piede su tutti i lati, compresa l’area delle suole, e consente al vapore acqueo di fuoriuscire meglio. Poiché l’umidità può fuoriuscire attraverso la suola sotto forma di vapore acqueo, i piedi rimangono il più asciutti possibile.

Accessori importanti per le scarpe da trekking

I seguenti accessori potrebbero interessarti per l’uso e la manutenzione delle tue scarpe da trekking:

Calzini

Come per la scarpa stessa, la scelta dei calzini giusti non deve essere sottovalutata. Le calze da trekking speciali sono ancora meglio imbottite rispetto alle calze da trekking nella zona del tallone e della pianta del piede e quindi prevengono le vesciche. I calzini dovrebbero adattarsi perfettamente al piede ed estendersi sull’asta per evitare sfregamenti.

solette

La maggior parte degli scarponi da trekking ha solette rimovibili per consentire alle scarpe di asciugarsi meglio dopo una giornata di escursioni. Puoi anche rinnovare la suola secondo necessità.

Spray impregnante

Impregnazioni speciali per pelle o materiali sintetici ti proteggono dall’umidità. Si consiglia di rinfrescare l’impregnazione delle scarpe prima di ogni tour per avere la migliore protezione possibile.

Dove si possono acquistare le scarpe da trekking?

Se per te valga la pena acquistare online o visitare un negozio specializzato, dipende interamente dalle tue preferenze e dalle tue opzioni. Poiché non tutti hanno un negozio specializzato nelle vicinanze, i fornitori online sono un’alternativa valida e conveniente.

I negozi specializzati per l'abbigliamento outdoor offrono scarpe da trekking e l'attrezzatura necessaria come zaini e abbigliamento outdoor per il trail

Puoi acquistare scarpe da trekking nei negozi specializzati e online. Oltre alla consulenza personale, è possibile acquistare nei negozi anche altri articoli di attrezzatura come zaini e abbigliamento outdoor.

Puoi trovare un’ampia selezione di scarpe da trekking e scarponi da venditori online e da rivenditori specializzati. Entrambe le opzioni hanno diversi vantaggi, che abbiamo brevemente riassunto per te di seguito:

Vantaggi dell’acquisto “in loco” Vantaggi dell’ordinazione online
  • consulenza personale ed esperienza degli specialisti
  • Possibilità di provare direttamente
  • Supporto al commercio specializzato e al dettaglio
  • ampia selezione e opzioni di confronto, alcune con consulenza online
  • Acquisto flessibile e indipendente dal luogo
  • vestibilità comoda a casa

Quanto costano le scarpe da trekking?

Puoi aspettarti costi da 150 euro in su per le tue scarpe da trekking. Puoi acquistare modelli più economici online o nei negozi, ma questi sono più adatti all’uso quotidiano.

Poiché le scarpe sono il fulcro della tua attrezzatura in un’escursione impegnativa e ti proteggono dagli infortuni, a questo punto dovresti fare affidamento su produttori esperti e di buona qualità. Con la giusta cura, una scarpa di alta qualità durerà per molti anni.

Quali marche producono scarpe da trekking di qualità?

Quando si tratta di trovare un marchio per la tua scarpa, vorremmo presentarti alcuni noti produttori che si sono affermati nel campo delle scarpe da trekking e da trekking.

In linea di principio, tuttavia, ti consigliamo di rimanere aperto con la tua scelta del marchio per trovare davvero la scarpa giusta per te.

Lowa

Il marchio tedesco Lowa è uno dei più noti produttori di scarpe outdoor di alta qualità e offre una vasta gamma per donna, uomo e bambino. L’azienda utilizza solo materiali provenienti dall’Europa e produce anche lì. Da segnalare anche la possibilità di riparare e risuolare le scarpe.

Hanwag

Anche le radici del produttore Hanwag sono in Germania. La particolarità qui è la necessità di produrre scarpe per ogni piede, che siano strette, larghe o alluce valgo. Sono possibili anche prodotti su misura. Inoltre, la longevità è favorita dalla possibilità di risuolatura.

Meindl

L’azienda familiare tedesca Meindl ha sede a Kirschanschöring dal 1928 e produce ancora oggi scarpe e stivali outdoor di alta qualità. Meindl attribuisce grande importanza anche alla sostenibilità e offre prodotti particolarmente durevoli che possono essere riparati.

La Sportiva

L’azienda familiare italiana La Sportiva produce scarpe di alta qualità per gli sport di montagna dal 1928 e offre una vasta gamma di modelli per donna e uomo.

Panoramica del test delle scarpe da trekking: quali scarpe da trekking sono le migliori?

Per trovare la scarpa da trekking giusta, vale la pena dare un’occhiata alle recensioni attuali di note riviste di consumatori. Per non dover cercare a lungo, ti forniamo gli ultimi test sulle scarpe da trekking e da trekking di Stiftung Warentest, Öko Test e Bergsteiger prima:

Testmagazin Scarpa da trekking – test disponibile? Anno di pubblicazione Accesso libero Scopri di più
Stiftung Warentest Sì, gli scarponi da trekking sono stati testati 2013 e Clicca qui
Eco test Sì, gli scarponi da trekking (leggeri) sono stati testati 2012 no Clicca qui
bergsteiger.de Sì, le scarpe da trekking di media altezza sono state testate 2016 e Clicca qui

Stiftung Warentest: scarponi da trekking – Da Maiorca al laboratorio

Stiftung Warentest ha esaminato un totale di 15 scarponi da trekking e li ha testati sia sul sentiero che in laboratorio. Le scarpe sono state testate per quanto riguarda il loro comfort e funzionalità, la loro durata e le sostanze inquinanti che contengono. Dieci modelli si sono dimostrati validi in prove pratiche e di laboratorio e sono stati valutati “buoni”.

Il vincitore del test è stato il Trekker Lite II GTX di Aku. Anche produttori famosi come Hanwag, Lowa e Meindl sono stati in grado di convincere per quanto riguarda i criteri testati.

Le luci inferiori erano un modello di Lidl che è stato designato come scarpa da trekking, che non poteva tenere il passo in pratica o in termini di durata, così come un modello di Mammut, che ha fallito a causa delle sostanze inquinanti che conteneva.

Eco test: 10 scarponi da trekking nel test

Nel suo test, Öko Test si è limitato a esaminare modelli più leggeri che non sono a prova di montagna, ma sono adatti a escursionisti frequenti. La nota rivista di consumatori ha testato nella pratica 10 scarpe diverse. I laboratori hanno anche esaminato la proporzione di inquinanti nei materiali utilizzati.

Fattori come la protezione dall’umidità, la durata del materiale, la suola e l’area del tallone molto utilizzata sono stati messi alla prova, tra le altre cose. La maggior parte delle scarpe è stata in grado di mettersi alla prova nella pratica.

Per scoprire quali modelli erano in vantaggio secondo Öko Test, dovresti acquisire il risultato completo del test. Tuttavia, ciò che quasi tutti i modelli testati di marchi come Aku, Jack Wolfskin e Meindl si sono distinti negativamente è stato l’inquinamento del materiale.

Alpinisti: 12 scarpe da trekking di media altezza testate

Bergsteiger ha valutato un totale di 12 modelli a mezza altezza nella categoria delle scarpe da trekking in base a vari criteri come peso, vestibilità, ammortizzazione e aderenza della suola. Il test è stato eseguito dal Garmisch Competence Center for Sports, Health, Technology e ha raccolto i vantaggi delle scarpe rispetto ai criteri testati in un diagramma di rete.

Bergsteiger non evidenzia un chiaro vincitore, ma i diagrammi offrono una buona panoramica dei servizi e dei vantaggi dei modelli Lowa, Meindl e Dachstein, tra gli altri.

FAQ – Domande frequenti sulle scarpe da trekking

Qui troverai le domande e le risposte più importanti sulle scarpe da trekking:

Come devono essere rodate le scarpe da trekking?

Una volta trovata la scarpa da trekking giusta per te, è meglio romperla in poche settimane prima del vero e proprio trekking su brevi tratti. Quindi la scarpa può adattarsi al piede.

Ciò vale in particolare per le scarpe con fodera in pelle. Tuttavia, dovresti sempre familiarizzare con le tue nuove calzature prima di partire per un tour per non avere brutte sorprese in seguito.

Esistono anche scarpe da trekking sostenibili?

Poiché la sostenibilità sta diventando un argomento sempre più importante, è importante anche per molti produttori di outdoor offrire modelli prodotti in modo sostenibile con pelle certificata e materiali riciclati.

In molti negozi online ora puoi filtrare direttamente i modelli sostenibili. Molti produttori inoltre comunicano apertamente i materiali e le tecnologie che utilizzano sulle loro pagine.

Se stai cercando un modello realizzato in pelle, la pelle Terracare della conceria Heinen potrebbe interessarti. Heinen si è specializzata nella produzione di pelle a risparmio di risorse ed evita anche lunghi percorsi di consegna grazie alla posizione in Germania.

Se preferisci fare a meno dei prodotti animali nelle tue scarpe, vale la pena non solo prestare attenzione al materiale della tomaia utilizzato. Spesso ci sono ingredienti animali negli adesivi utilizzati. Le scarpe da trekking vegane sono offerte da Lowa o da Will’s Vegan Shop, tra gli altri.

Come prendersi cura delle scarpe da trekking?

Se ti prendi cura delle tue scarpe da trekking, possono diventare le tue compagne a lungo termine. A seconda del materiale, ci sono alcune cose da considerare. In ogni caso, ha senso procurarsi una spazzola per scarpe per la pulizia e un agente impregnante. Alcuni trattamenti della pelle mantengono questo materiale elastico e lo proteggono dalla fragilità.

Tra le altre cose, sono necessarie spazzole per scarpe, cera per pelle e spray per impregnazione per pulire e curare le scarpe da trekking.

È consigliabile una cura regolare in modo da poter conservare le scarpe da trekking il più a lungo possibile. Nella sezione seguente abbiamo riassunto ciò di cui hai bisogno e a cui devi prestare attenzione.

Dopo l’acquisto

Le nuove scarpe da trekking non richiedono cure particolari. Tuttavia, ha senso rinfrescare nuovamente l’impregnazione prima del primo giro.

Dopo il tour – la pulizia esterna

Dopo ogni utilizzo, rimuovere lo sporco dalle scarpe con una spazzola e acqua fresca e pulita. Lo sporco residuo secca il materiale e talvolta rende la pelle fragile.

Quindi si applica un’impregnazione sul materiale ancora umido. Questo gli permette di entrare più in profondità nel materiale. È meglio impermeabilizzare le scarpe all’aperto o in una stanza ben ventilata e non dimenticare le aree difficili da raggiungere come la lingua. Il modo migliore per farlo è rimuovere i lacci.

Si noti che l’impregnazione svanisce dopo circa 3 settimane e dovrebbe essere rinfrescata se necessario. Se hai scarpe in pelle velour, può anche essere consigliabile impregnarle più volte a causa della loro superficie ruvida.

Le tue scarpe si asciugano più delicatamente con una buona ventilazione, a basso calore e protette dai raggi del sole.

Consiglio: Mentre l’impregnazione viene assorbita e le scarpe si asciugano, puoi pulire i lacci separatamente e appenderli ad asciugare.

Purificazione interna

Se l’interno della scarpa inizia a puzzare, puoi pulirlo con acqua tiepida e una spugna. Con il materiale tessile, puoi anche usare una spruzzata di detersivo per lana. Quindi le scarpe devono essere sciacquate bene con acqua pulita.

Asciugare l’interno

Affinché l’interno possa asciugarsi bene dopo un tour o una pulizia, rimuovi il plantare e i lacci e apri le scarpe il più possibile. Puoi anche riempire l’interno della scarpa con carta assorbente (non giornale). Questo dovrebbe essere cambiato ogni giorno fino a quando le scarpe non sono asciutte.

Attenzione: Non dovresti usare il giornale per asciugare con la carta, specialmente con la fodera in pelle, poiché l’inchiostro della stampante può attaccare la pelle!

Cura esterna per scarpe in pelle

Esistono cere speciali per pelle o emulsioni di cera per la cura delle scarpe in pelle. Oli e grassi non sono adatti alla manutenzione, in quanto ammorbidiscono la pelle e, in determinate circostanze, possono sigillarla completamente. Ciò comporta una perdita di traspirabilità e, nel peggiore dei casi, può anche allentare le aderenze sulla scarpa.

Cura del rivestimento in pelle

Se le tue scarpe hanno una fodera in pelle, dovresti anche mantenerla regolarmente con latte per pelle o un’emulsione di cera. I sali nel sudore del piede possono altrimenti seccare il rivestimento interno e renderlo fragile.

La cura giusta a colpo d’occhio

  • Scarpe da trekking pulite con acqua pulita e una spazzola dopo ogni tour
  • reimpregnare regolarmente
  • Aprire le scarpe per farle asciugare e lasciarle asciugare in un luogo ventilato e protetto dal sole
  • Mantenere la pelle con cere speciali per pelle (non utilizzare oli o grassi)
  • Non dimenticare l’interno e puliscilo con acqua al massimo dopo un anno
  • Mantenere la fodera in pelle con latte in pelle o emulsione di cera

Cosa fare se le scarpe da trekking cigolano?

Se le tue scarpe da trekking scricchiolano, le cause possono essere diverse. Principalmente è causato dallo sfregamento della pelle l’una contro l’altra nell’area della lingua o della lingua quando è nuova o asciutta.

Con certi lubrificanti puoi Metti fine agli squittii. Una penna al sebo di cervo (disponibile in farmacia), lanolina (grasso di pura lana) o cera d’api possono aiutare.

Nota: Il sego di cervo e la lanolina sono entrambi a base di grasso, che può galleggiare o sigillare la pelle. Sono adatti come rimedio per il cigolio, ma è meglio non usarli per prendersi cura delle scarpe.

Le scarpe da trekking possono avere suole nuove?

Se la suola delle tue scarpe da trekking è una suola stampata a iniezione, è rinnovabile, se non del tutto, nella zona del tallone. Tuttavia, molti modelli comuni hanno suole assemblate e possono quindi essere nuovamente risuolati. È meglio assicurarsi che le suole delle scarpe possano essere sostituite al momento dell’acquisto.

Qual è la differenza tra trekking ed escursionismo?

Mentre l’escursionismo significa una lunga escursione su sentieri per lo più asfaltati nell’arco di un giorno, il trekking (dall’inglese “trek” che significa “marcia”) si riferisce a un’escursione più impegnativa attraverso la natura selvaggia che dura diversi giorni.

L’ulteriore percorso richiede più bagagli e quindi un’attrezzatura più ampia. Le maggiori differenze riguardano la durata dell’escursione, il terreno e l’attrezzatura.

Ulteriori fonti

Trova maggiori informazioni sul trekking nella nostra guida

Stai cercando pantaloni da trekking adatti? Scopri di più.

I 20 migliori tour per progetti di trekking: Scopri di più.

Scopri di più sul trekking in tenda: Qui.

* Ci colleghiamo a negozi online selezionati e partner da cui potremmo ricevere un compenso. Come partner Amazon, guadagno da vendite qualificate


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.